Ipercoop Aprilia 2
L'Ipercoop del centro commerciale Aprilia 2

Esuberi in vista anche per l’Ipercoop di Aprilia 2. Centro Distribuzione Sud, che gestisce il punto vendita, ha comunicato oggi la riduzione del personale contestualmente alla riduzione dello spazio dell’ipermercato del centro commerciale situato sulla Pontina, alle porte di Aprilia. Inoltre, l’ipermercato rimarrà chiuso dal 14 gennaio fino, almeno, al 31 maggio. All’incontro hanno partecipato l’azienda, i sindacati e le RSA del punto vendita. 

È emerso che l’area passa dagli attuali 7 mila metri quadri a poco meno di 5 mila, ma non sarà ridotto solo il magazzino, come prospettato in un primo momento: anche l’area vendita sarà ridotta e diventerà di 2.500 mq. Le casse diventeranno sei in totale. 

Domenica 13 gennaio sarà l’ultimo giorno di apertura. Poi si procederà con l’inventario e lo svuotamento del negozio fino al 28 febbraio. Dal 1 marzo partirà il nuovo contratto tra azienda e centro commerciale, per sei anni con opzione per altri sei. Entro il 31 marzo dovrà essere separata l’area rimasta da quella da riconsegnare al centro commerciale. Dal 31 maggio c’è l’obbligo di riapertura. 

Spariranno dall’area di vendita la pescheria, l’ottica, la gioielleria e il reparto produzione propria della macelleria. Rimangono i freschi, generi vari, farmacia, zona non food, la telefonia, il punto servizi e l’area spogliatoio e ristoro per il personale. 

Tutto questo porterà all’esubero di metà del personale: da 130 unità ne resteranno solo 63. L’azienda programma la cassa integrazione, il ricollocamento o l’incentivo all’esodo.

Sembrerebbe che l’azienda abbia intenzione di chiedere la cassa integrazione per 12 mesi quindi funzionerebbe a rotazione per tutti i lavoratori.

L’incontro è terminato con l’accordo tra le parti di procedere con la richiesta di cassa integrazione, considerato l’unico strumento utilizzabile, e di rivedersi per la gestione dell’esubero. 

La crisi dell’Ipercoop di Aprilia 2, che secondo l’azienda mantiene risultati in perdita nonostante gli investimenti, si somma alla chiusura annunciata della Coop di Via Mascagni.