di Katiuscia Laneri – E’ stato prorogato di un mese, dal 12 aprile al 12 maggio, il Bando da 4,5 milioni di euro dedicato alla promozione di nuove destinazioni turistiche e nuove idee di viaggio sulla base degli ambiti territoriali e tematici presenti nel Piano Turistico Triennale. La proroga si è resa necessaria per accogliere la richiesta dei tanti beneficiari nella presentazione delle loro istanze.

La Camera di Commercio Frosinone Latina, fa sapere in una nota, che condivide e apprezza tali programmi di intervento della Regione Lazio: “In una stagione così critica per la ripresa, si tratta di uno strumento utile e concreto a sostegno delle realtà produttive del territorio. Il bando, in particolare, focalizza l’attenzione su uno dei primi settori ad essere stato colpito dagli effetti  dell’emergenza epidemiologica ancora in atto e che sarà probabilmente il più lento a riprendersi – scrive l’Ente camerale in una nota – Occorrono dunque finanziamenti, misure puntuali ed una strategia specifica capace di generare nuovi flussi economici in entrata per restituire vitalità ad uno degli elementi di identità più forti della nostra realtà regionale”.

“Oggigiorno ci sono tanti modi per sostenere il turismo –  continua -, l’importante è fare attenzione a non sacrificare i suoi naturali alleati (cultura, sport, ambiente, arte e storia, enogastronomia) e proprio su questi segmenti la Regione Lazio assicura interesse e volontà di potenziamento in quanto espressioni di un’unica realtà territoriale complessa e variegata”.

Le proposte possono essere presentate da Associazioni, Fondazioni o altri soggetti privati, singolarmente o riuniti in A.T.I., operanti nel campo del turismo, della cultura, della promozione web, dell’enogastronomia, dello sport, del commercio e dell’ambiente del territorio della Regione Lazio. I progetti devono prevedere, almeno per il 50% del totale del costo stimato, l’impiego di guide turistiche e accompagnatori turistici regolarmente iscritti negli appositi elenchi. Le proposte potranno riguardare uno o più cluster già individuati dal Piano turistico triennale: turismo culturale identitario (arte, storia cultura); luoghi della memoria; turismo outdoor (cammini e itinerari, sport, natura, montagna); salute, enogastronomia e turismo rurale.

Al territorio si chiede di esprimere proposte progettuali orientate al miglioramento del posizionamento turistico, a sostenere e a promuovere sia il prodotto che la destinazione, ad incrementare la quota di internazionalizzazione,  a rafforzare la presenza sistematica sul web migliorando l’innovazione degli strumenti di comunicazione ed intercettando nuove modalità di diffusione dell’informazione turistica, a creare un’offerta integrata ed articolata di servizi attraverso l’organizzazione degli attori territoriali.

Progetti, in sintesi, capaci di rafforzare e qualificare la narrazione dei punti di forza e delle eccellenze turistiche locali creando, al contempo, nuove e importanti occasioni per superare i limiti della piccola dimensione.

La Camera di Commercio intende sostenere questa azione straordinaria mettendo a disposizione dei soggetti interessati le proprie competenze e professionalità tecniche a supporto dei piani progettuali da presentare.