mercoledì 28 Settembre 2022

Caso Berardi, i figli si incatenano davanti all’ambasciata: “ridateci nostro padre” – FOTO

di Redazione – “Ridateci nostro padre” questa la scritta sulle magliette dei figli di Roberto Berardi che si sono incatenati davanti all’Ambasciata della Guinea Equatoriale in Via Bruxelles a Roma.

Berardi è in carcere dal gennaio 2013 e sarebbe dovuto essere liberato lo scorso 19 maggio, ma questo non è avvenuto perché secondo lo stato della Guinea Equatoriale la pena parte dalla sentenza e non vale il periodo di prigionia scontato prima.

In carcere l’imprenditore pontino si è gravemente ammalato a causa delle condizioni di prigionia estreme, è stato sottoposto a torture e alla fame e ricoverato più volte in ospedale a causa delle sue condizioni di salute.

BERARDI TORTURATO, L’IMPRENDITORE INVIA LE SUE FOTO SHOCK DALLA PRIGIONE

*Foto dall’account twitter di Andrea Spinelli

CORRELATI

spot_img
spot_img