È ambiziosa la Cisterna che esce fuori dal quarto consiglio dell’amministrazione targata Mauro Carturan – ter. 

Tre sono i sogni di Cisterna, tre punti su cui potrebbe incentrarsi la riscossa della città, se così si vuole chiamare. Ad illustrarli il sindaco Mauro Carturan, sollecitato dalle interrogazioni delle opposizioni.

Il primo riguarda l’area ex GoodYear. Sarebbe interesse dell’amministrazione cedere quell’area al Consorzio di Sviluppo Industriale Roma Latina. L’ente ne farebbe poi uso per le aziende allocate sulla pontina. “Abbiamo intenzione di mettere a regime quel terreno per le piccole e medie imprese”, ha dichiarato Mauro Carturan in aula.

Ma l’interesse per quella zona dismessa ormai da anni, è arrivato anche dalla vicina Aluminium Slim. Il sindaco rivela che già domani è in programma un appuntamento per chiarire questa cosa.

Poi, sul fronte della sanità, Cisterna rischia di perdere il Punto di Primo Intervento. Mauro Carturan, rispondendo al consigliere e medico Gino Cece, ha ricordato il recente incontro con i vertici della Asl.

“Ci sono state dette una serie di cose che non ci convincono. Il primo passo lo dobbiamo fare di noi”, ha risposto. E per “passo”, Mauro Carturan intende individuare un’area dove poter costruire una struttura in cui concentrare il sistema sanitario di Cisterna, che, dice, “oggi è zero”.

Questa la soluzione per aggirare il rischio depotenziamento o peggio, chiusura, dello storico Pronto Soccorso. Individuare un’area, presumibilmente in zona ex Nalco, e poter concedere volumetrie per iniziare un’attività. Discussione che sarà approfondita in un’apposita commissione, promette.

Infine, lo sport. Il sogno si chiama Top Volley Latina. Mauro Carturan conferma il forte interesse della società di Serie A1 per venire a Cisterna (invece che a Caserta), stante l’indisponibilità del PalaBianchini. E annuncia: entro ottobre sarà tutto pronto. E non sarebbe solo la Top Volley a reclamare il palazzetto, ma anche una squadra di basket di Serie B. Mauro Carturan in questo caso nomi non ne fa. Ma Cisterna potrebbe presto diventare il cuore pulsante dello sport della Provincia di Latina.

Una parte la farà anche lo stadio Bartolani, su cui ci sarebbe una proposta di progetto di finanza e potrebbe diventare sede del Sermoneta Calcio e dei giovani.

Tanta carne al fuoco insomma, in un consiglio che doveva servire a illustrare le linee programmatiche.

“La parola centrale del programma – ha detto Carturan – è ‘ricostruire’. I punti di intervento principali sono la Scuola e la Cultura, poi la difesa delle Attività produttive e il riassetto del territorio: non abbiamo intenzione di espandere la città aumentando le volumetrie ma di colmare i vuoti, comprese le note ‘buche’, presenti nel centro urbano”.

Cisterna sogna in grande.