giovedì 27 Gennaio 2022

Caporalato a Terracina, condannato l’imprenditore Gargiulo

E’ stato condannato a 2 anni e 6 mesi di reclusione l’imprenditore di Terracina, Alessandro Gargiulo, accusato di caporalato. Un anno e 8 mesi invece la pena per il cittadino indiano di 36 anni, Hansra Balwant Singh.

Dopo alcune denunce erano stati accusati di aver sfruttato i braccianti utilizzando anche la violenza. In un episodio sarebbero stati esplosi anche colpi di fucile. Rispondevano in particolare di sfruttamento del lavoro, minaccia aggravata con l’utilizzo di arma da fuoco, lesioni, detenzione abusiva di munizionamento e omessa denuncia di materiali esplodenti.

Questa mattina si è svolta l’udienza preliminare davanti al giudice di Latina, Giuseppe Molfese. Il pm in un’udienza precedente aveva chiesto 4 anni di reclusione Gargiulo e 3 anni e 8 mesi per quello che è considerato il caporale.

Oggi è arrivata la sentenza con pene accessorie come quella del divieto per 2 anni di chiedere sovvenzioni dallo Stato. Il giudice in qualche modo ha comunque accolto almeno parte della tesi difensiva degli avvocati Amleto Coronella e Alessia Vita.

Secondo l’inchiesta i lavoratori sarebbero stati controllati e minacciati anche quando rallentavano il ritmo di lavoro, quando erano stanchi. Hansra sarebbe stato spietato e avrebbe minacciato di riferire al Gargiulo anche semplici momenti di rilassamento. L’imprenditore per questo avrebbe detratto denaro dalla busta paga. Anche 100 o 200 euro al mese ad ogni lavoratore.

Dalle indagini erano emerse condizioni di lavoro degradanti: i braccianti vivevano ammassati in un’unica stanza per cui erano costretti anche a pagare l’affitto e non avevano servizi igienici.

Guadagnavano 4,40 euro l’ora, per 10 ore al giorno, senza alcun riposo settimanale. Se osavano ribellarsi venivano minacciati con il fucile, lo stesso se rallentavano il ritmo.

Silvia Colasanti
Giornalista pubblicista dal 2009 ha cominciato a scrivere nel 2005. Laureata in Scienze politiche, con un Master in Diritto europeo, ha lavorato per tre anni (tra le altre esperienze) nella redazione de Il Tempo Latina, poi come redattrice al Giornale di Latina. Si occupa essenzialmente di cronaca, in particolare di cronaca giudiziaria

CORRELATI

spot_img
spot_img