Home Elezioni Candidatura alla Regione Lazio, il borsino vede crescere gli esponenti locali

Candidatura alla Regione Lazio, il borsino vede crescere gli esponenti locali

Secondo voci vicine a FdI prende corpo la candidatura di Nicola Procaccini, ex sindaco di Terracina, che non direbbe no ad una richiesta di Giorgia Meloni

0
Nicola Procaccini

Il candidato presidente della Regione Lazio per il centrodestra, ormai è cosa nota, sarà espressione di Fratelli d’Italia e la scelta oggi sembra confinata tra Fabio Rampelli, Chiara Colosimo, Nicola Procaccini e Paolo Trancassini.

Il partito di Giorgia Meloni, che secondo i sondaggi sta superando il 30% dei consensi, sta già lavorando sulle liste e il nome del candidato presidente dovrebbe essere indicato ufficialmente entro questa settimana.

Francesco Rocca, presidente nazionale della Croce Rossa Italiana, per anni volontario alla Caritas e considerato tra quelli più probabili per la corsa a governatore del Lazio, sembra perdere terreno perché se è vero che Rocca è molto vicino alla destra romana è pur sempre un candidato civico.

Stessa cosa per Fabio Rampelli, che ha più volte ribadito la sua disponibilità a candidarsi come presidente della Regione Lazio, ma a quanto pare non c’è accordo sui programmi, soprattutto con la Lega che vuole il termovalorizzatore, mentre Rampelli no.

Ad avanzare, dopo i primi incontri tra i leader della coalizione di centrodestra, sembrano invece essere due nomi “di provincia” che sino a qualche settimana fa non erano ancora entrati nel dibattito: quello di Nicola Procaccini, europarlamentare ed ex primo cittadino di Terracina, che intervistato ad Agorà ha chiarito che su esplicita richiesta di Meloni sarebbe disponibile a candidarsi e quello di Paolo Trancassini, deputato reatino e coordinatore regionale di Fratelli d’Italia.

Resta inoltre sul tavolo il nome di Chiara Colosimo appena eletta alla Camera che conosce bene le dinamiche della Regione ma al momento sembra il nome meno probabile.

Exit mobile version