domenica 21 Luglio 2024
spot_img

Vuole incassare un buono fruttifero ma Poste rifiuta. La decisione del tribunale di Latina

Il tribunale di Latina ha deciso che l’ente Poste deve pagare. La vicenda è relativa ad una controversia con un cliente con l’ente condannato a liquidare per intero – compresi il capitale maturato e gli interessi legali maturati – un risparmiatore residente sul territorio pontino dopo avergli inizialmente negato l’entità di un buono postale fruttifero sottoscritto oltre 20 anni; la motivazione risiedeva nel fatto che la richiesta di liquidazione fosse stata formalizzata fuori tempo massimo.

Una tesi ribaltata dal Giudice di Pace di Latina facendo rilevare come lo stesse ente all’epoca della stipula del buono fruttifero avesse omesso di consegnare al suo utente il foglio informativo contenente la descrizione delle caratteristiche dell’investimento. Né risulta che Poste italiane spa – come riportato in una nota del Codacons – abbia esposto nei propri locali aperti al pubblico un avviso sulle condizioni praticate, rinviando a fogli informativi, comunque da consegnare ai sottoscrittori con la descrizione dettagliata delle caratteristiche dei buoni fruttiferi postali.

“Palese è stata in questa vicenda la violazione degli obblighi informativi imposti dalla specifica normativa a Poste Italiane, con la conseguenza che il consumatore – fa sapere l’ufficio legale dell’importante associazione dei consumatori – non è stato posto in condizioni di attivarsi per la riscossione di capitale ed interessi investiti nel termine di prescrizione previsto”.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img