La società Ecoambiente è pronta a rimettersi in pista con un impianto di compostaggio da 9 milioni di euro.
Il progetto è emerso con prepotenza nel corso della periodica riunione, alla presenza dell’assessore all’ambiente del Comune, Roberto Lessio, avente ad oggetto la bonifica della discarica di borgo Montello a Latina.
L’obiettivo è creare un impianto di compostaggio per la lavorazione di 30mila tonnellate di rifiuti organici l’anno.
Questo il primo step di un obiettivo di sviluppo industriale fissato dalla Systema Ambiente per la discarica “in disuso” di Borgo Montello a Latina.
La società, lo scorso anno, ha acquistato all’asta, al prezzo di 2,5milioni di euro, la partecipazione della fallita Latina Ambiente nella Ecoambiente, gestore del sito di borgo Montello nel quale è in corso la messa in sicurezza.
“Rispetto a questo progetto sono grandi i timori dei residenti,  preoccupati e ben consapevoli che gli atti amministrativi diretti competono, per territorialità, al Comune di Latina che – spiega il portavoce di Fratelli d’Italia, Gianluca Di Cocco – deve rendersi conto, in modo chiaro, che nella zona gravano già forti servitù come, appunto, la discarica di borgo Montello. Questa comunità deve essere tutelata”.
Anche se l’impianto potrà dare le massime garanzie dal punto di vista dell’impatto ambientale a pesare sono i disagi per questa zona legati, da una parte, all’inevitabile aumento del traffico di veicoli pesanti e, dall’altra, dal crollo del valore delle proprietà anche a fronte del mancato sviluppo del territorio.
Negli anni, a più riprese, i cittadini hanno lamentato e più volte illustrato le difficoltà in cui versano borgo Bainsizza, Montello e Le ferriere.
“Borghi – aggiunge Di Cocco – troppo spesso dimenticati e che potrebbero arricchirsi di un primato al mondo, che è quello delle tante servitù, in una area cosi ristretta quali la discarica, Al Karama, pollifici, a pochi kilometri una ex centrale nucleare, a cui oggi si aggiungerebbe la possibilità di vedere realizzato un impianto di compostaggio”.
Quello che Fratelli d’Italia chiede è massima attenzione per il territorio, per lo sviluppp e, soprattutto, per le esigenze di tanti cittadini che si sentono abbandonati a se stessi.
“Sollecitiamo la massima attenzione del Comune di Latina sulla delicata questione oltre che dare la massima disponibilità – conclude il portavoce del partito della Meloni – per avviare azioni comuni per la difesa del territorio anche in prospettiva di una progettualità e salvaguardia urbanistica congiunta tra Latina e Cisterna”.