martedì 29 Novembre 2022

Borgo Isonzo, un orto sinergico realizzato dagli alunni dell’infanzia e della primaria

Un orto a scuola per riscoprire il rapporto con la natura. È il progetto della scuola di borgo Isonzo che ha visto coinvolti insieme i bambini dell’infanzia e della scuola primaria.

L’8 maggio scorso si è svolta l’inaugurazione dell’ orto sinergico. Alla presenza del sindaco della città, Damiano Coletta, della consigliera comunale Loretta Isotton, del parroco della chiesa S. Pio XII, della dirigente dell’istituto comprensivo, Marina Aramini e di molti genitori, le bambine e i bambini hanno cantato e raccontato la loro esperienza nell’attività che li ha coinvolti per buona parte dell’anno scolastico e ha offerto loro molte opportunità di conoscenza e di crescita formativa ed educativa.

C’è anche questo nel piano dell’offerta formativa di tutto il dodicesimo istituto comprensivo di borgo Faiti: un’idea che accomuna più di un plesso. Infatti nella sede centrale, al Faiti, l’aula verde (la serra), curata dal professor Michele D’Abundo, è patrimonio di tutta la scuola.

L’iniziativa, a borgo Isonzo, verrà replicata dagli alunni della primaria, l’8 giugno ed avrà come titolo “Lo specchio magico delle emozioni”. L’esperienza sarà ripetuta anche in occasione della festa patronale il 26 del prossimo mese.

L’idea è nata e si è concretizzata nel percorso educativo-didattico “Possibili armonie” tenuto dalla maestra Barbara Renzelli, che è stato finalizzato al potenziamento della consapevolezza e dell’espressione delle emozioni e della gestione delle stesse.

CORRELATI

spot_img
spot_img