martedì 4 Ottobre 2022

Bomba al porto di Formia, l’intervento degli artificieri della marina

Un residuato bellico, che affiorava dal fondale marino roccioso a una profondità di circa sette metri, è stato rinvenuto domenica 13 giugno presso il molo di Formia. A trovarlo un subacqueo, impegnato nelle attività di indagine prescritte dalla competente Soprintendenza ai Beni Archeologici nell’ambito dei lavori di adeguamento degli scivoli e delle banchine presenti presso il molo “Vespucci” del porto di Formia.

L’ordigno si trovava adagiato in un lato del porto non particolarmente interessato dall’intenso traffico di traghetti di linea e unità da diporto.

La Capitaneria di porto di Gaeta ha immediatamente informato la Prefettura di Latina, oltre a vietare la navigazione nello specchio d’acqua interessato e qualsiasi altra attività connessa con l’uso del mare, tramite un’apposita ordinanza. La Prefettura ha quindi richiesto l’intervento di personale specializzato del Comsubin della Marina Militare, presente questa mattina con militari e mezzi del Nucleo Sdai del Gruppo Operativo Subacquei, di stanza presso il porto di Napoli.

L’ordigno, dopo esser stato riconosciuto come una bomba di aereo risalente alla Seconda Guerra Mondiale, è stato messo in sicurezza e rimorchiato fuori dall’ambito portuale da una motovedetta della Guardia Costiera di Formia. Si è poi proceduto a farlo brillare a circa sette miglia al largo di Punta dello Stendardo del porto di Gaeta, con un fondale di oltre 70 metri, ad una distanza ed una profondità adeguate a garantire la sicurezza delle operazioni e a tutelare l’ambiente marino.

A supporto delle attività nella cornice di sicurezza in mare è stata impiegata anche una motovedetta della Guardia Costiera di Gaeta.

Lidano Orlandi
Lidano Orlandi, laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università LUMSSA di Roma. Giornalista professionista del 2008 con esperienze in giornali locali come La Provincia Quotidiano e Latina Oggi. Esperto di comunicazioni da e per le amministrazioni pubbliche.

CORRELATI

spot_img
spot_img