cimitero

di Redazione – Sta scatenando polemiche il bollettino da 15 euro che la Ipogeo ha inviato ai residenti di Latina. Si tratta del contributo annuale che la società che gestisce il cimitero di Latina sta chiedendo agli intestatari dei loculi. Leggendo bene la bolletta si scopre però che il versamento va fatto alla Tesoreria Comunale, quindi i soldi finiranno dritti dritti nelle casse del Comune. Il Comune e la Ipogeo sono legate da un contratto stipulato nel 2009. All’epoca non c’era un’anagrafe delle sepolture, pertanto la Ipogeo non poteva chiedere contributi ai cittadini. Ora che finalmente questa anagrafe è stata creata, sono partite le bollette. Nel frattempo però è stato il Comune ad anticipare i soldi alla ditta. E ora il Comune sta richiedendo quei soldi ai cittadini. Si tratta di un contributo di 15 euro l’anno per ogni loculo di cui si è intestatari.

Sulla questione hanno già chiesto chiarezza i membri dell’Opposizione, Nicoletta Zuliani e Marco Fioravante, che nell’ultima Commissione Bilancio del 26 marzo hanno chiesto di inserire il punto in una delle prossime discussioni. Nicoletta Zuliani vuole che l’Amministrazione faccia chiarezza sul rapporto debitore/creditore che si è venuto a creare con la Ipogeo. Marco Fioravante invece fa presente che in una proposta di risoluzione transattiva, la questione dei 15 euro era stata superata. Tuttavia il fatto che siano state emesse le fatture dimostra che nulla è stato superato. Nel frattempo molti cittadini non stanno pagando e si sono già rivolte alle associazioni dei consumatori per chiedere di essere tutelati.