intervento Dono Svizzero
L'ospedale Dono Svizzero di Formia

E’ durato all’incirca due ore il black out registratosi all’ospedale “Dono Svizzero” di Formia.

A partire dalle 10.20 un guasto all’impianto elettrico ha isolato le comunicazioni con i centralini e bloccato il funzionamento delle apparecchiature sanitarie.

“Attualmente è attiva l’alimentazione elettrica di emergenza per tutti i servizi – ha sottolineato in una nota l’Asl di Latina – Si precisa che i gruppi di continuità (Ups) hanno garantito l’utilizzo dei dispositivi più critici. Le prestazioni di elezione sono rinviate fino al ripristino del pieno esercizio, la cui riparazione è in corso. Abbiamo messo a disposizione diverse ambulanze aggiuntive per la gestione delle urgenze e per eventuali trasferimenti”.

A tal proposito, il consigliere regionale di Forza Italia Giuseppe Simeone ha chiesto spiegazioni al direttore generale Giorgio Casati.

“A quanto risulta gli elettrogeni avrebbero funzionato a intermittenza – ha dichiarato il presidente della commissione sanità – mentre ancor più difettoso sarebbe apparso quello secondario, riservato ai server. Conosciamo bene le conseguenze negative che ciò potrebbe provocare per pazienti, infermieri e medici alle prese con interventi chirurgici. E’ lecito chiedersi se e quando il relativo monitoraggio viene eseguito o se è stato affidato ad una società esterna e qual è l’esito”.

Interrogativi a cui dare una risposta, alla luce soprattutto degli ulteriori disagi riscontrati, come la mancata connessione per il centro prelievi e i problemi per gli esami diagnostici.