domenica 25 Settembre 2022

Biosint esclusa dalle fusioni di Alfasigma: preoccupazione a Sermoneta, vigila la Femca Cisl

C’è preoccupazione alla Biosint di Sermoeta per la decisione di Alfasigma Spa di procedere alla fusione ed incorporazione delle società Alfa Wasserman Spa, Biofutura Spa e Sigma-Tau IFR Spa. Biosint è una controllata di Sigma Tau, pertanto la decisione appare al momento senza una spiegazione. Quel che è chiaro è che con la fusione Alfasigma SPA punta a diventare una delle prime aziende nel panorama farmaceutico nazionale a capitale totalmente italiano.

Sulla questione vigila la Femca Cisl. “Ci siamo immediatamente attivati, richiedendo un tavolo di confronto per un esame congiunto con i vertici del Gruppo che si terrà a Latina il 5 Aprile – così Elisa Bandini Segretario Generale della Femca Cisl di Latina -. Abbiamo voluto accelerare i tempi, allo scopo di agire in maniera opportuna per dare risposte concrete ai lavoratori, soprattutto perché gli interrogativi aperti che riguardano lo stabilimento di Sermoneta sono molti. Da un lato siamo preoccupati del fatto che azioni di questo tipo includono spesso nuovi modelli organizzativi, con conseguenti effetti sull’allocazione delle risorse e del personale nelle diverse sedi aziendali, con possibili interventi anche sui livelli occupazionali finalizzati proprio al recupero dell’efficienza produttiva; ma soprattutto, l’esclusione di Biosint Spa dal processo di fusione, ci preoccupa rispetto al futuro di questo sito, in quanto il rischio è che fuori dal network Alfasigma Spa, la società rimanga ai margini di un mercato farmaceutico sempre più globale e sfidante, le cui logiche di competitività richiedono dimensioni adeguate ad investire in innovazione e sviluppo perdendo quindi di efficacia nel tempo. Seguiremo da vicino tutte le fasi di questa operazione a tutela dei lavoratori e della stabilità dell’impianto”.

CORRELATI

spot_img
spot_img