domenica 21 Luglio 2024
spot_img

Due bellezze pontine a rappresentare l’Italia all’Expo in Burkina Faso per la fiera del cotone tessile

Sono del sud pontino le due modelle che hanno rappresentato l’Italia all’Expo in Burkina Faso: Michela Cardillo Stagno, diciannovenne di Spigno Saturnia (LT) e Erica Filosa di Formia (LT) , scelte per l’ importante evento di interesse mondiale conclusosi pochi giorni fa in Africa dove si è svolta la fiera di cotone tessile dal 4 al 7 novembre.

Le due modelle, già molto conosciute nel territorio pontino grazie ai numerosi successi conquistati nei concorsi di bellezza nazionali e detentrici di numerosi titoli, hanno indossato gli abiti creati da Amelia Filosa e Lita Garcia Gurreonero, designers dell’Accademia Maiani di Roma.

L’evento ha avuto luogo a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso e centro amministrativo, culturale ed economico della nazione, le cui industrie primarie sono legate al settore alimentare e tessile. Ed è proprio a proposito dell’industria tessile che Michela si è espressa, descrivendo minuziosamente gli abiti interamente realizzati in tessuto Faso Dan Fani, usato, a dimostrazione di come sia possibile unire con un filo conduttore la filiera di cotone burkinabé ed il potenziale di trasformazione che potrebbe offrire il tessuto industriale italiano.

Ospite d’onore di questo evento, patrocinato dal capo dello stato Kaboré e promosso dal ministero degli esteri Burkinabé e dall’Associazione Yeelba, è stata l’Italia: le nostre modelle hanno avuto la possibilità di indossare e apprezzare tessuti del prodotto cotoniero tradizionale per eccellenza, il Faso Dan Fani, riuscendo cosi a favorire i contatti professionali e industriali che si stanno creando tra la filiera tessile del Burkina faso e il nostro made in Italy, attraverso la condivisione di tecnologia e innovazione del settore tessile locale.

“Un’esperienza fantastica, fra le più emozionanti alle quali abbia mai partecipato” ci racconta la giovanissima modella di Spigno Saturnia, che ha avuto la possibilità, grazie a questo importante evento, di potersi interfacciare con culture e tradizioni diverse, vivendo in un contesto che valorizza aspetti differenti rispetto alla nostra realtà, attribuendo maggiore importanza alle “piccole cose”.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img