martedì 7 Febbraio 2023

Attentato a Berlino, le basi di Amri a Campoverde. Al vaglio telefoni cellulari sequestrati

Potrebbe avere avuto una solida base ad Aprilia, per la precisione a Campoverde Amis Amri, il terrorista che ha provocato la strage di Berlino e che poi è stato ucciso a Sesto San Giovanni. Nella frazione di Aprilia sono state perquisite due case e sequestrati alcuni telefoni cellulari d parte degli uomini della Digos.

Le case sono abitate rispettivamente dalla moglie di un contatto che Amri aveva in Provincia di Latina (che è attualmente nel carcere di Velletri) e da partenti di quest’ultimo. Adesso sui telefoni cellulari sono in corso verifiche per stabilire se Amri volesse arrivare a Roma, ed eventualmente proprio ad Aprilia o nell’agro pontino nella sua fuga dopo l’attentato, terminata con la sparatoria a Sesto San Giovanni.

Il sospetto degli inquirenti è che Anis Amri avesse una rete di riferimento in Italia e in particolare alle porte di Roma. L’ipotesi è stata smentita dal premier Paolo Gentiloni nella conferenza stampa di fine anno.

CORRELATI

spot_img
spot_img