Il sindaco di Aprilia, Antonio Terra, ha chiesto lo stato di calamità naturale per i danni causati dalla grandinata eccezionale del 12 maggio scorso. La richiesta si aggiunge a quella del Comune di Cisterna, effettuata ieri dal primo cittadino Mauro Carturan.

Una prima stima delle colture distrutte parla dell’80% della produzione andata perduta per l’ondata di maltempo.

Chiunque abbia subito danni a coltivazioni oppure alle strutture agricole, può inviare una segnalazione utilizzando l’apposito modulo scaricabile dal sito del Comune di Aprilia.