Aveva scaricato nel suo pc un’ingente quantità di materiale pedopornografico. Per questo un ragazzo di appena 25 anni di Aprilia è finito in guai seri. Le indagini della polizia postale avevano portato direttamente al giovane che è stato arrestato sabato scorso, 17 marzo 2018. Il 25enne, essendo incensurato, ha potuto beneficiare degli arresti domiciliari ed è ora costretto nella casa dei genitori, con i quali vive.

Il suo computer è stato sequestrato. All’interno ci sarebbero, secondo l’accusa, file e video con materiale pornografico realizzato utilizzando minori di 18 anni.

Questa mattina, 19 marzo, il ragazzo, assistito da un avvocato d’ufficio, è comparso davanti al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Latina Laura Campoli. Si è però avvalso della facoltà di non rispondere. Il gip ha quindi convalidato l’arresto.

Il procedimento si sposterà ora al Tribunale di Roma che è competente per questo tipo di reati.