Un provvedimento già assunto nella maggior parte dei Comuni della provincia di Latina per evitare l’assembramento di persone.

E’ quello assunto, tramite ordinanza, pubblicata pochi minuti fa, dal sindaco di Aprilia Antonio Terra.

Disposta la chiusura al pubblico del Cimitero comunale, pur garantendo l’accesso contingentato in caso di inumazioni e tumulazioni.

Il provvedimento si è reso necessario per evitare assembramenti di persone e contenere la diffusione del Coronavirus.

“Stiamo monitorando l’effettivo rispetto da parte dei cittadini apriliani delle disposizioni del Governo – spiega il sindaco Antonio Terra – comprendiamo le esigenze di chi ha una persona cara sepolta nel cimitero, ma in questo momento ci sembra più importante ridurre i rischi del diffondersi del virus. Non appena questa fase emergenziale sarà terminata, tutto tornerà come prima”.

L’accesso al cimitero sarà comunque consentito, in numero massimo di 10 persone e garantendo il rispetto delle distanze minime, in caso di inumazioni e tumulazioni.

Per le altre attività (come ad esempio le estumulazioni o le esumazioni) per le quali è consentito l’accesso dei familiari, la presenza dovrà essere limitata a non più di 2 familiari per ogni salma.

“In questi giorni – conclude Terra – abbiamo intensificato anche i controlli presso i parchi di Aprilia: al momento la situazione appare sotto controllo, ma ci teniamo a precisare che siamo pronti ad intervenire con una nuova ordinanza di chiusura, se dovessimo verificare la presenza di assembramenti anche nelle aree verdi della città. E’ fondamentale non abbassare la guardia”.