domenica 21 Luglio 2024
spot_img

Anche l’ITS Academy Caboto di Gaeta e la Navale di Sperlonga tra i promotori della spedizione “Ambasciatori in Artico”

La necessità di ripensare uno sviluppo sostenibile è ormai urgente, soprattutto considerando che l’Artico non è un luogo qualsiasi, ma uno dei motori climatici del nostro pianeta. Per comprendere meglio l’impatto della plastica nei mari e gli effetti del cambiamento climatico sugli habitat naturali, la barca a vela “Moondance” ha intrapreso una spedizione esplorativa. Questa missione, denominata “Ambasciatori in Artico”, è stata organizzata dalle Associazioni Gate to The Arctic e AIPU, con il supporto del Dipartimento di Scienza della Terra e dell’Ambiente dell’Università “Federico II” di Napoli, dell’Istituto Oceanografico di San Diego, dell’ITS Academy Giovanni Caboto di Gaeta e della Lega Navale di Sperlonga.

Obiettivi della Spedizione

L’obiettivo principale della spedizione era scoprire la quantità di plastica presente in mare e osservare come gli habitat e la vita degli esseri viventi stiano cambiando a causa del riscaldamento globale. La missione si è concentrata su aree dove la plastica non dovrebbe esserci e dove gli effetti del cambiamento climatico possono essere più evidenti.

Cambiamento di Rotta

La spedizione, inizialmente diretta verso la costa dell’isola di Biornoya, ha dovuto cambiare rotta a causa delle avverse condizioni meteomarine e dei forti venti da est. La nuova destinazione è stata l’isola di Soroya, a est della Norvegia. Nonostante il cambiamento di percorso, la missione ha fornito preziose testimonianze su come i luoghi più estremi del pianeta stiano cambiando.

L’Importanza della Consapevolezza Ambientale

Seguendo l’esperienza di questa missione, diventa evidente quanto il destino delle nostre vite sia strettamente connesso con quello del pianeta. I cittadini di tutto il mondo stanno sempre più spesso manifestando e richiedendo alle istituzioni di ridurre la produzione di plastica e le emissioni di CO2. Gli esperti avvertono che l’impatto del cambiamento climatico è particolarmente intenso nelle regioni polari, dove si stima che ogni anno vengano perse circa 250 gigatonnellate di ghiaccio, una quantità enorme paragonabile ai grattacieli delle più grandi città del mondo.

Un Appello per il Futuro

Questa spedizione ha lanciato un importante appello per un’azione immediata e decisiva. La salvaguardia del nostro pianeta richiede un impegno collettivo per ridurre drasticamente la plastica e le emissioni di CO2, per proteggere gli ecosistemi e garantire un futuro sostenibile per le generazioni a venire.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img