sabato 28 Gennaio 2023

Alluvione a Itri, in commissione regionale Tutela del territorio chiesto lo stato di calamità naturale

Si è tenuta oggi la XII Commissione – Tutela del territorio, erosione costiera, emergenze e grandi rischi, protezione civile, ricostruzione della regione Lazio, durante la quale si è parlato della situazione di Itri.

La valanga di fango e pietre che ha travolto la città qualche giorno fa, è stata al centro della discussione. Il Il direttore dell’Agenzia Regionale della Protezione Civile del Lazio, Carmelo Tulumello, tra i partecipanti, ha condiviso la richiesta di Giuseppe Simeone, di Forza Italia, affinchè all’udienza potesse far intervenire un rappresentante della municipalità di Itri per evidenziare la situazione che si è creata. Anche il consigliere Salvatore La Penna del Pd ha espresso il proprio apprezzamento all’iniziativa.

Quanto alla situazione sul campo, il presidente ha dato poi la parola al consigliere comunale di Itri Andrea Di Biase, che ha riepilogato i termini della situazione e ha detto che gli interventi di soccorso sono stati immediati, ma decine di famiglie restano evacuate dalle proprie abitazioni nel timore del ripetersi di nuove precipitazioni di entità simile a quella dei giorni scorsi. L’emergenza resta comunque, al presente, e richiede il riconoscimento della calamità naturale.

“Nel corso dell’incontro – ha dichiarato il consigliere Simeone – anche tramite le parole del consigliere comunale Andrea Di Biase in sostituzione del sindaco Agresti impegnato nel sopralluogo con il prefetto di Latina Maurizio Falco, abbiamo ricostruito le fasi drammatiche di questa emergenza che ha portato all’isolamento di intere zone del Comune nella provincia di Latina. Il direttore dell’Agenzia Regionale della Protezione Civile del Lazio, Carmelo Tulumello, ci ha spiegato lo stato dell’arte, illustrando gli interventi effettuati in termini di soccorso ed assistenza alla popolazione nonché i sopralluoghi per valutare gli interventi da mettere in atto  per contrastare il  fenomeno di dissesto idraulico ed idrogeologico in atto in accordo con la direzione difesa del suolo e il Genio Civile di Cassino. Il riconoscimento dello stato di calamità naturale sarà il primo passo ma dobbiamo fare di più. Continueremo a vigilare sulla situazione per comprendere come rendere la Regione Lazio parte attiva e responsabile nella risoluzione di questa emergenza e per la definizione delle azioni mirate ad evitare che tali episodi si ripetano”.

Su Itri, Tulumello ha confermato quanto detto sull’immediatezza dell’approntamento dei soccorsi; 170 sarebbero, a suo dire, le persone interessate dalla situazione di evacuazione delle proprie abitazioni di residenza. Sono state coinvolte la Direzione difesa del suolo e anche il Genio civile di Cassino, che sta compiendo le proprie rilevazioni, ed oggi è in programma un incontro in prefettura, ha aggiunto Tulumello, che ha concluso dicendo che l’Agenzia resta vigile sulla situazione, date le previsioni meteorologiche ancora negative per le prossime ore.

 

Lidano Orlandi
Lidano Orlandi, laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università LUMSSA di Roma. Giornalista professionista del 2008 con esperienze in giornali locali come La Provincia Quotidiano e Latina Oggi. Esperto di comunicazioni da e per le amministrazioni pubbliche.

CORRELATI

spot_img
spot_img