Il tour dell’europarlamentare della Lega Matteo Adinolfi presso le varie imprese del territorio, continua

Incontri con gli imprenditori che esprimono tutta una serie di problematiche che li rendono poco competitivi con i loro concorrenti europei. Problematiche relative alle diverse regole vigenti nei vari paesi e soprattutto le diverse aliquote fiscali. In particolar modo in quei paesi del Nord Europa che proprio in queste ore si stanno mettendo di traverso nella trattativa per il Recovery Fund.

“I nostri imprenditori – spiega Adinolfi – locali e nazionali devono fare i conti tutti i giorni con un fisco pressante e troppo spesso complesso e fa rabbia, soprattutto in momenti di crisi come questi post pandemia, vedere che le nostre aziende subiscono la concorrenza spietata di chi spesso approfitta di regimi fiscali agevolati come quelli olandesi o lussemburghesi”.

Adinolfi sottolinea come il problema della concorrenza sleale sia stato da lui più volte portato all’attenzione della Commissione Europea. Ma qualcosa sta cambiando. “Ora, dopo mesi di denunce, – conclude l’europarlamentare – la Commissione ha proposto che il codice di condotta sulla tassazione delle imprese diventi materia del gruppo europeo. Faremo di tutto per portare avanti questa battaglia e stoppare una pratica sleale che danneggia migliaia di aziende e famiglie di italiani».