Eseguiti, nella notte del 24 giugno 2020, importanti e urgenti lavori di riparazione sulla condotta adduttrice che collega la Centrale Sardellane ai Comuni di Latina, Pontinia, Sabaudia, San Felice Circeo, Terracina e Sezze.

La condotta, che serve oltre 120.000 abitanti della pianura pontina, è tra le più importanti di tutto il territorio.

I lavori, iniziati in serata, sono proseguiti nelle ore notturne, per limitare il più possibile i disagi alle utenze interessate dall’interruzione.

Considerato il progressivo deterioramento della condotta, al fine di ottimizzare il servizio e ridurre le perdite, si sono resi necessari una serie di interventi di risanamento.

Tre le squadre tecniche, oltreché il personale Acqualatina, che hanno lavorato ininterrottamente fino alle prime ore della mattina.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nello specifico, i tecnici sono intervenuti su circa 10 km di condotta e hanno eseguito 6 importanti riparazioni, tra cui, due di queste, portate a termine in anticipo rispetto ai tempi prestabiliti, senza la necessità di dover interrompere il flusso idrico.

I lavori hanno permesso di riparare importanti perdite e di recuperare circa 100 litri al secondo, il che consentirà di migliorare il servizio alle utenze impattate in termini di pressione e continuità.

Attualmente, è in corso una revisione del piano degli investimenti che prevede, per il futuro, l’affiancamento di una nuova condotta di circa 7 km a quella esistente.

In questo modo, oltre a ottenere un ulteriore innalzamento delle prestazioni, non sarà più necessario interrompere il flusso idrico in caso di manutenzioni.