giovedì 23 Settembre 2021
spot_img

Accoltella il compagno, 45enne dal gip: “Se non mi fossi difesa avrei fatto una brutta fine”

“Mi sono difesa, se non l’avessi fermato avrei fatto una brutta fine”. Così ha dichiarato al giudice Francesca F., la 45enne che due notti fa, ad Aprilia, ha accoltellato il compagno riducendolo in fin di vita.

La donna è stata interrogata, questa mattina, dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Latina e ha fornito la sua versione dei fatti. I due stavano litigando, come spesso accadeva negli ultimi tempi, quando il convivente stava per aggredirla. A quel punto ha preso il coltello per fermarlo.

Lo scorso anno, dopo un episodio di violenza, lei lo aveva denunciato per maltrattamenti in famiglia. Poi erano rimasti insieme, ma evidentemente le divergenze tra i due non si erano appianate, tanto che i vicini li hanno sentiti spesso discutere.

Era stata proprio una vicina di casa a chiamare i carabinieri, la notte tra il 12 e il 13 settembre, dopo aver visto la 45enne in piedi davanti all’uomo riverso a terra in una pozza di sangue.

L’avvocato dell’arrestata, Giuseppe Di Manno, ha chiesto al gip di non convalidare il fermo e di disporre una misura cautelare più lieve. L’indagata non ha però convinto evidentemente del tutto il giudice che, invece, ha convalidato l’arresto dei carabinieri e l’ha lasciata in carcere.

Il 42enne è ancora ricoverato all’ospedale San Camillo di Roma. La prognosi resta riservata.

Silvia Colasanti
Giornalista pubblicista dal 2009 ha cominciato a scrivere nel 2005. Laureata in Scienze politiche, con un Master in Diritto europeo, ha lavorato per tre anni (tra le altre esperienze) nella redazione de Il Tempo Latina, poi come redattrice al Giornale di Latina. Si occupa essenzialmente di cronaca, in particolare di cronaca giudiziaria

CORRELATI

spot_img
spot_img