martedì 21 Maggio 2024
spot_img

Accoltella i genitori e li riduce in fin di vita, la polizia arresta 47enne a Formia

Ha accoltellato i genitori riducendoli in fin vita a Formia: arrestato. La Polizia di Stato del Commissariato di Formia, ha arrestato un uomo di  47 anni per il tentato omicidio dei propri anziani genitori.
Verso le 8 di questa mattina, tramite il Numero unico di emergenza, 112, è pervenuta al Commissariato la segnalazione di una aggressione da parte di un giovane ai danni dei propri genitori.
Prontamente intervenuti sul posto indicato, i poliziotti hanno trovato l’uomo innanzi al palazzo segnalato, fermo e con un coltello con evidenti tracce di sangue tra le mani.
Alla richiesta degli operanti, questi riferiva loro soltanto che al piano di sopra erano presenti i suoi genitori.
Dopo aver fermato e disarmato il soggetto, gli agenti si sono immediatamente recati nell’appartamento dei genitori per prestargli soccorso e lì hanno riscontrato tracce di sangue sui pavimenti e sui muri delle stanze, in una delle camere dell’appartamento vi era l’anziana coppia, ancora agonizzante; entrambi i genitori sono stati rinvenuti distesi sul letto e coperti di sangue, ma vigili e pertanto sono stati in grado di riferire agli operanti dell’aggressione subita da parte del figlio.
Dai loro racconti è emerso che l’uomo, si sarebbe improvvisamente scagliato contro di loro, colpendoli con calci e con numerosi fendenti di coltello, nonchè con un utensile da cucina.
Sul posto, oltre al personale del Commissariato, sono intervenute anche due ambulanze e personale della Polizia Scientifica per i rilievi del caso.
Entrambi gli anziani genitori dall’aggressione hanno riportaro profonde ferite da taglio in varie parti del corpo e pertanto sono stati trasportati presso il locale nosocomio ed ivi ricoverati in prognosi riservata.
L’Autorità giudiziaria, sulla base della ricostruzione dei fatti operata dal personale intervenuto, concordando con l’ipotesi del tentato duplice omicidio ai danni dell’anziana coppia, ha disposto l’accompagnamento dell’arrestato presso la casa circondariale di Cassino.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img