sabato 24 Febbraio 2024
spot_img

ABC, per i lavoratori di Latina Ambiente futuro incerto. Sindacati verso lo sciopero

Si sono chiuse alle 13 i termini per presentare la candidatura per entrare nel Consiglio di Amministrazione dell’Azienda Speciale ABC. Il bando era stato reso pubblico dal Comune di Latina lo scorso 11 agosto, suscitando non poche polemiche perché nel testo non si indicava la necessità di un titolo di studio ma solo una comprovata esperienza tecnica, amministrativa, giuridica e manageriale. Ora il Servizio Affari Costituzionali giudicherà i curricula pervenuti, gli idonei saranno ammessi a un colloquio con il sindaco di Latina Damiano Coletta.

Ma mentre si sceglie il management dell’azienda che si occuperà della gestione rifiuti nel comune di Latina, i lavoratori di Latina Ambiente sarebbero sul piede di guerra a causa delle incertezze sul loro futuro. L’amministrazione comunale infatti ancora non ha risolto il problema di come garantire la continuità occupazionale. Su questo i sindacati, in particolare la Filas di Francesco Napolitano chiedono, invano, un confronto. L’unico incontro è stato con i rappresentanti di Cgil, Cisl, e Uil in cui il sindaco Damiano Coletta, e gli assessori Giulio Capirci e Roberto Lessio avevano paventato due possibilità: un avviso pubblico, o la cessione del ramo d’azienda, con quest’ultima opzione che garantirebbe maggiormente le maestranze rispetto all’accesso alla nuova società.

In attesa di chiarimenti la Filas avrebbe già proclamato lo sciopero e i suoi iscritti sarebbero già pronti a incrociare le braccia.

Sul tema è tornata a farsi sentire anche la Cisl. “È la politica che, con senso di responsabilità, deve farsi carico della sorte dei lavoratori evitando di lasciarne alcuni per strada – dicono dal sindacato -. Con la nuova società il Comune, nei fatti, crea un soggetto giuridico che, in concreto, sostituisce la società appaltatrice. In questo modo troverebbe applicazione la regola contrattuale che permette la riassunzione del personale. Un modo per attenuare le tensioni tra i lavoratori che, in questi mesi, hanno dato prova di responsabilità svolgendo il loro servizio in Città con professionalità ed impegno, nonostante i tantissimi problemi e la carenza di mezzi”.

Commenta Roberto Cecere Segretario Provinciale della Cisl di Latina: “Apriremo questa vertenza, unitamente alla categoria che segue il comparto, chiedendo un incontro con le istituzioni presso la Prefettura, attivando nel contempo, la procedura di raffreddamento prevista dalla legge per i servizi pubblici. L’auspicio è di incontrarci ufficialmente con l’obiettivo di garantire e salvaguardare la piena occupazione, evitando di alimentare lo scontro sociale, in una vertenza che sarebbe dannosa per la collettività:”

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img