domenica 29 Gennaio 2023

A Latina il Consiglio Comunale aumenta Irpef e rifiuti. Decisa la dedica di una strada ad Almirante

di Redazione – Consiglio Comunale fiume ieri a Latina. La seduta è iniziata alle 15 ed è terminata a notte inoltrata. Al termine delle discussioni tre sono le novità rilevanti. E purtroppo due sono negative per i contribuenti latinensi. Si parte dall’aumento dell’Irpef, che il Comune ha fissato al tetto massimo consentito dalla legge, lo 0,8%. Saranno esenti coloro che dichiareranno redditi fino a 8.000 euro l’anno. E anche questo è un limite che è stato ridotto. Aumentano anche le tasse sui rifiuti, è stato infatti approvato il piano economico di Latina Ambiente. La decisione non piace neppure al Primo Cittadino, che tenta comunque di fornire una giustificazione. “I conti del Comune di Latina presentano le ben note difficoltà uguali a tutti i comuni italiani, dovuti ai tagli imposti dal Governo centrale per il contenimento della spesa pubblica – ha dichiarato il sindaco Di Giorgi – L’ho detto e lo ribadisco, il Governo ha ridotto i comuni a ‘gabellieri’ dello Stato, scaricando sull’ente locale l’imposizione fiscale e costringendo sindaci e amministratori ad aumentare la tassazione nei riguardi dei cittadini”. Di Giorgi ha quindi attaccato l’opposizione: “Non vuole recepire questo messaggio, rinunciando al confronto su questa tematica”. Il sindaco ha tentato di spiegare come si è arrivati ad aumentare Irpef e rifiuti: “La misura della tassazione che il Comune è costretto ad applicare dipende da ciò che viene imposto dal Governo centrale o come accade per il Pef di Latina Ambiente, dalla Regione che ha aumentato le tasse sui rifiuti, costringendo il Comune a fare altrettanto”. Di Giorgi ha ammesso che la situazione è insostenibile ma che il Comune nonostante i tagli tenta di garantire i servizi ai cittadini.

Nella stessa seduta è stata approvata l’intitolazione di una strada a Giorgio Almirante. L’opposizione ha lasciato l’aula. Anche su questa decisione non è mancato il commento del Sindaco. “La decisione adottata dal Consiglio comunale rende il giusto omaggio ad uno dei più importanti protagonisti della storia politica del nostro Paese nel dopoguerra”, ha dichiarato Di Giorgi. Per il Primo Cittadino di Latina la figura del leader dell’MSI è importante per il contributo che ha dato all’evoluzione della destra italiana, che poi sarebbe diventata forza di governo del paese. Merito di Almirante, sempre secondo Di Giorgi, è anche quello di aver fornito un importante contributo al processo di pacificazione sociale del popolo italiano. “Sono convinto che questa decisione, arrivata in occasione del centenario della nascita di Giorgio Almirante, aprirà la strada per ricordare altri protagonisti della storia politica e sociale dell’Italia nel Novecento”, ha dichiarato in conclusione Giovanni Di Giorgi.

CORRELATI

spot_img
spot_img