mercoledì 28 Settembre 2022

A Latina circa 10 milioni di multe non riscosse. Celentano, Fdi: “E’ un tesoretto, recuperarlo subito”

Le multe erano e restano una delle voci più sostanziose dei bilanci comunali.

E, al tempo stesso, una vera e propria condanna per automobilisti e motociclisti.

Stando i dati, pubblicato oggi su Il Sole 24 Ore, in base alle tabelle elaborate periodicamente dal Ministero dell’ Economia che monitora incassi e pagamenti delle amministrazioni pubbliche a Latina si farebbero poche multe per infrazioni stradali.

Il capoluogo pontino, nella classifica stilata, si trova infatti all’88esimo posto.

“Delle multe erogate – spiega il consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Matilde Celentano – restano 9,9 milioni di arretrati non riscossi.  Quindi mi chiedo per prima cosa come mai vengono emesse poche multe? E’ evidente che di infrazioni se ne fanno tante e ogni giorno da parte dei cittadini ci sono segnalazioni di situazioni scandalose sotto l’occhio di tutti”.

Il riferimento corre ad auto parcheggiate per ore sulle strisce pedonali, a ridosso dei marciapiedi, davanti i cassonetti dell’immondizia, in doppia o tripla fila.

“A conti fatti si posteggia incivilmente dove capita, addirittura sui posti per disabili, in spregio a qualunque regola. A Latina non esiste e non esisterà mai – continua la Celentano – l’educazione civica. E dove sono le istituzioni per evitare questo degrado?”.

Poi il consigliere comunale di Fratelli d’Italia rilancia.

“Cosa si sta facendo per recuperare i 9,9 milioni non riscossi? E’ un tesoretto che potrebbe essere utile da investire sulle strade, sulle infrastrutture ,sulle scuole o sugli impianti sportivi. E’ necessario fare urgentemente – conclude la Celentano -una attività di recupero crediti mirata, se si ha veramente a cuore la città, perché  solo in questo modo si avrà la reale possibilità di fare degli investimenti mirati e seri, che consentirebbero un effettivo sviluppo della città”.

CORRELATI

spot_img
spot_img