sabato 18 Maggio 2024
spot_img

16enne tenta il suicidio in una casa famiglia. La madre: “Se nessuno la controlla finirà malissimo”

“Mia figlia ha problemi psichici gravi e ha tentato il suicidio già altre volte – racconta la mamma – L’unica soluzione trovata è stata quella di sottrarla a noi e di metterla in una struttura convenzionata dove ci sono minori privi di una famiglia, lì ha accesso a pasticche, sappiamo che assume droghe e alcol; l’ultimo gesto è stato gravissimo e noi temiamo che ci sarà una prossima volta, se nessuno la controlla o le impedisce di accedere ai farmaci potrà finire malissimo”.

Con queste parola la madre della ragazza, della quale per ovvi motivi non rendiamo noto il nome, ha raccontato quanto accaduto alla figlia la scorsa notte. Un tentativo di suicidio effettuato ingoiando una grossa quantità di tranquillanti

La giovane si trova ora ricoverata a Roma ma la famiglia vuole fare chiarezza sull’accaduto e presenterà un esposto contro la casa di accoglienza temporanea la 16enne risiedeva su disposizione dei servizi sociali del suo Comune di residenza, sui monti Lepini.

Diciassette ancora da compiere, ha iniziato un percorso di riconoscimento della sua identità sessuale. Un cammino faticoso, irto di insidie, portato a termine sotto la supervisione della sezione apposita dell’ospedale San Camillo di Roma. Nonostante questo i problemi psichici della ragazza non si sono attenuati, tanto i servizi sociali l’avevano tolta alla famiglia.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img