Ztl, tutto invariato. Si decide tra sei mesi: commercianti delusi

Ztl Latina
La Ztl andrà avanti così com’è ed ogni decisione è rimandata ai prossimi sei mesi. Lo ha stabilito il Consiglio Comunale di ieri con un voto all’unanimità. Al termine di un dibattito in cui era chiaro che maggioranza e opposizione fossero su due strade diverse rispetto alla zona a traffico limitato, in quanto l’opposizione ne chiedeva la riapertura al traffico nei giorni feriali, in serata si è trovata la sintesi. Sarà istituito un osservatorio con la partecipazione delle parti sociali ed economiche interessate. Saranno raccolti i dati e al termine di sei mesi di osservazione, si tornerà in consiglio comunale per prendere una decisione definitiva. Unanimità anche sulla proposta presentata da Matteo Coluzzi per l’intermodalità sostenibile (sistema diffuso in nord Europa, dove i pendolari alternano l’uso della bicicletta, dell’auto e del trasporto pubblico per recarsi sul luogo di lavoro), e per impegnare sindaco e giunta alla valorizzazione del mercato annonario e di Palazzo M.

La decisione sulla Ztl ha lasciato scontenti i commercianti del centro che ieri hanno assistito al Consiglio Comunale. Sui social praticamente da quando è stato chiaro che la Ztl sarebbe rimasta così com’è, ha iniziato a circolare un documento sottoscritto dallo stesso Damiano Coletta in campagna elettorale, dove si legge che “Per quanto attiele alla Ztl, così come è stata concepita rappresenta una proposta largamente al di sotto delle sue potenzialità. Occorre prima elaborare un’idea di città e di centro storico, riportare le persone a frequentare il centro, sia per la presenza di attrattori culturali, sia per opportunità di studio e residenziali. Ma la pedonalizzazione del centro storico rimane un obiettivo da perseguire, una volta creati i presupposti. Nelle more, in attesa di confronti con i cittadini e le associazioni, nel corso dei primi 6 mesi del mandato, proponiamo di riaprire il centro nei giorni feriali, sperimentando gli orari migliori, a partire dalla mattina”.

SHARE