Vinitaly, incetta di premi per le aziende pontine. È di Casale del Giglio il miglior rosato 2017

Casale-del-Giglio-Vinitaly

Tornano dal Vinitaly ricchi di premi e riconoscimenti le aziende pontine produttrici di vini. L’evento era iniziato con la consegna della medaglia Cangrande, prestigioso riconoscimento ai benemeriti del vino, ad Antonio Santarelli di Casale del Giglio “quale simbolo della viticoltura eroica”. Il riconoscimento è arrivato direttamente dall’Assessore regionale all’Agricoltura del Lazio Carlo Hausmann.

Un altro riconoscimento prestigioso per Casale del Giglio è arrivato con l’inserimento del Lazio IGP Rosat “Albiola” 2016 nella guida “5 Stars Wines the Book”, dove il vino è stato indicato come il migliore rosato, dopo essere stato messo a confronto con altri 2.200 vini provenienti da tutte le parti del mondo e sottoposti a giudizio da diverse commissioni di valutazioni composte dai massimi esperti.

Nella guida sono inseriti 441 vini. Il Lazio ha messo a segno 16 premi di cui 11 nella sola provincia di Latina con 8 vini dell’Azienda Casal del Giglio (Shiraz 2015, Bianco Antinoo 2016, Bianco Passito Aphrodisium 2015, Cabernet Sauvignon 2013, Petit Verdot 2014, Rosso Madreselva 2013, Viognier 2016) e con un vino ciascuno per Cincinnato (Castore 2016), VG Srl Cantina Villa Gianna (Nobilvite 2016) e Cantina Santa’Andrea (moscato di Terracina secco Oppidum 2016).

“I miei complimenti a tutte le aziende presenti al Vinitaly di quest’anno – ha tenuto a sottolineare Mauro Zappia, Commissario straordinario della Camera di Commercio di Latina – che ho avuto il piacere di conoscere direttamente in loco e un plauso va comunque fatto a quelle che hanno ottenuto un meritato riconoscimento per il loro lavoro, esempio virtuoso della provincia di Latina. Trattasi di aziende che hanno saputo programmare, sperimentare in un territorio ricco di potenzialità.

SHARE