Via Quarto, le indagini si allargano alla Variante Prampolini. Di Giorgi: Comune parte lesa

di Redazione – Secondo il sindaco Di Giorgi nei fatti di via Quarto il Comune di Latina è parte lesa. Intanto però la Procura continua la sue indagini ed è ha incaricato gli agenti dei Nuclei Investigativi Provinciali di Polizia Ambientale e Forestale (NIPAF) di acquisire i documenti relativi non solo all’autorizzazione concessa alle Costruzioni Generali per costruire una palazzina, ma anche a tutta la Variante Prampolini. Il sostituto procuratore Giuseppe Miliano vuole verificare se questa è legittima o meno controllando tutti gli atti che hanno portato all’approvazione.

Il primo cittadino si dice sereno e – intervistato da Radio Luna – difende la “serietà dell’ente che quando si accorge che c’è un problema interviene subito. Difendo invece la programmazione perché la nostra amministrazione ha detto basta alla politica degli espropri facendoci risparmiare”.

Intanto per domani, giovedì 22 gennaio, è prevista l’udienza al Tar chiamato ad esprimersi dopo il ricorso di un gruppo di residenti sulla sospensione dell’autorizzazione, che di fatto è già stata decisa dal Comune.

*Foto da Facebook

VIA QUARTO, TUTTI SAPEVANO: L’ESPROPRIO ERA NELL’ULTIMO ATTO DI COMPRAVENDITA

VIA QUARTO, ADESSO L’INCHIESTA ACCERTERÀ PERCHÉ TECNICI E NOTAI NON SAPEVANO CHE L’AREA ERA DEL COMUNE

VIA QUARTO, IL COMUNE ANNULLA L’AUTORIZZAZIONE A COSTRUIRE E BLOCCA I LAVORI

SHARE