Variante Malvaso, Zuliani boccia il pool di tecnici: altro spreco di soldi pubblici

di Redazione – A Nicoletta Zuliani non è piaciuta affatto l’idea di Giovanni Di Giorgi di nominare una commissione di esperti a cui sottoporre i piani particolareggiati, decisione presa a seguito del sequestro del cantiere di Borgo Piave sorto grazie alla cosiddetta “variante Malvaso”. L’esponente del PD in Consiglio Comunale nota che saranno i cittadini a pagare le spese di questi tecnici. E, come se non bastasse, sulla stessa questione era stato già consultato il professore Federico Tedeschini, docente universitario, esperto di questioni urbanistiche. Prezzo della consulenza: 10.556€. Il parere chiesto a Tedeschini, dice Nicoletta Zuliani, poteva essere chiesto all’Avvocatura del Comune, pagato appositamente per tutelare l’Ente e metterlo al riparo da eventuali citazioni in giudizio.

“L’incarico professionale al professor Tedeschini è invece stato pagato con i soldi dei cittadini, ben 10mila euro, e nella delibera di affidamento dell’incarico (avvenuto lo scorso luglio) non è nemmeno indicata la precisa motivazione che ha spinto a bypassare la nostra avvocatura”, spiega la Consigliera democratica. Il dubbio della Zuliani è che la nuova consulenza richiesta sia uno screditamento al lavoro svolto da Tedeschini. Quella consulenza ha fornito solo un parere di parte, dice la Zuliani, e lo stesso varrà per il pool di tecnici. Dunque, “Non abbiamo certo bisogno di altri tecnici: abbiamo bisogno della magistratura”, è l’opinione conclusiva esposta da Nicoletta Zuliani.

VARIANTE MALVASO, IL CONSIGLIERE DI FORZA ITALIA FA RICORSO CONTRO IL SEQUESTRO DEL CANTIERE DI BORGO PIAVE

VIA QUARTO E VARIANTE MALVASO, DI GIORGI E LA ROSA CORRONO AI RIPARI E DISPONGONO ACCERTAMENTI

VARIANTE MALVASO, IL NIPAF SEQUESTRA IL CANTIERE DI BORGO PIAVE

SHARE