Variante Malvaso, l’accusa ottiene una proroga: indagini avanti altri sei mesi

di Redazione – Le indagini sulla “variante Malvaso” dureranno almeno altri sei mesi. Il pm Gregorio Capasso ha chiesto e ottenuto una proroga. Ne approfitterà anche la difesa. Gli avvocati dell’imputato principale, il Consigliere di Forza Italia Vincenzo Malvaso, hanno rinunciato al ricorso al Tribunale del Riesame ma hanno nominato due “supertecnici” incaricati di smontare le tesi dell’accusa. I consulenti della difesa sono già al lavoro e a breve potrebbero fornire risposte.

Per la vicenda è indagata l’intera giunta di Latina che approvò la variante. Intanto, il complesso di Via Piave sorto a seguito di quell’approvazione è stato posto sotto sequestro lo scorso 23 gennaio. La vicenda ha agitato molto la politica di Latina e messo in difficoltà lo stesso sindaco Giovanni Di Giorgi che avrebbe comprato una casa da una delle società riconducibili all’esponente di Forza Italia.

VARIANTE MALVASO, INDAGA LA FINANZA. NEL MIRINO ANCHE LA CASA DI DI GIORGI IN PIAZZALE CARTURAN

CANTIERE BORGO PIAVE, NIENTE RICORSO CONTRO IL SEQUESTRO. MALVASO SI AFFIDA ALLA PERIZIA DI DUE SUPERTECNICI

VARIANTE MALVASO, IL PD METTE ALLE STRETTE DI GIORGI: DIMOSTRI DI AVER PAGATO LA CASA DI PIAZZALE CARTURAN

VARIANTE MALVASO, IL NIPAF SEQUESTRA IL CANTIERE DI BORGO PIAVE

SHARE