Variante Malvaso, il PD mette alle strette Di Giorgi: dimostri di aver pagato la casa di Piazzale Carturan

di Redazione -Dopo il sequestro del cantiere di Borgo Piave, nato a seguito dell’approvazione della Variante Malvaso, la maggioranza tace. Così anche il sindaco Di Giorgi. Mentre invece non si placa il PD che continua a chiedere le dimissioni del Sindaco e il ritorno alle elezioni. Con una nuova nota il capogruppo Alessandro Cozzolino chiede chiarimenti in merito alla casa che Di Giorgi avrebbe comprato da Malvaso. Nelle carte con cui i magistrati hanno disposto il sequestro del cantiere di Borgo Piave, si parla anche di questa compravendita e c’è scritto che del bonifico con cui Di Giorgi avrebbe dovuto pagare l’appartamento non c’è traccia. “Vogliamo che il primo cittadino mostri ai Giudici le carte del pagamento del suo attico”, così Alessandro Cozzolino.

Già in passato il PD aveva definito la compravendita dell’appartamento di Piazzale Carturan una “inopportunità politica”, ma alla luce di quello che hanno scritto i magistrati, dice Cozzolino, le cose sono cambiate. Questa volta il PD non pretende chiarimenti a parole ma vuole che il Sindaco si presenti con la documentazione. “Vogliamo che il primo cittadino vada dai Giudici con il bonifico bancario effettuato secondo la data del contratto. Solo in questo modo la città potrà capire se la compravendita sia stata solamente un’inopportunità politica o qualcosa di più”. Ma dal Sindaco ancora nessuna risposta: “Per questo rinnoviamo il nostro invito a dimettersi affinché la città possa tornare subito al voto”, dice ancora Cozzolino.

Il PD non contesta solo il Sindaco ma anche l’Assessore La Rosa per la mancanza di chiarimenti. Sulla vicenda delle revisioni dei PPE anche la Regione Lazio aveva chiesto spiegazioni con un documento del 22 gennaio. Dalla Pisana veniva contestata l’approvazione delle varianti con i voti della giunta, escludendo il Consiglio Comunale. “Il consiglio comunale è stato svuotato dal suo valore – ha detto Alessandro Cozzolino – Hanno sempre deciso tutto in Giunta (il sindaco ed i suoi assessori). Adesso saranno proprio loro a doversi prendere delle responsabilità davanti ai cittadini”.

VIA QUARTO E VARIANTE MALVASO, DI GIORGI E LA ROSA CORRONO AI RIPARI E DISPONGONO ACCERTAMENTI

VARIANTE MALVASO, IL PD INSORGE CONTRO DI GIORGI: SI DIMETTA, NON È PIÙ CREDIBILE. PRONTA LA MOZIONE DI SFIDUCIA

SHARE