Variante Borgo Piave, quando Maietta disse a Di Rubbo: “Malvaso non costruisce più”

Le intercettazioni che stanno emergendo su Pasquale Maietta compromettono progressivamente la figura del Presidente del Latina Calcio. All’interno dell’Operazione Olimpia lui è uno di quelli che manovra l’amministrazione pur non avendo incarichi ufficiali.

Il suo ruolo è evidenziato ancora una volta da un’intercettazione che lo vede al telefono con Giuseppe Di Rubbo, altro protagonista di questa vicenda. Emergono anche le sue ambizioni. Maietta era timoroso di non poter essere più candidato dopo l’indagine sul cantiere di Via Piave, in cui fu indagata tutta la giunta che votò quel PPE. I possibili rischi hanno indotto l’esponente di Fratelli d’Italia a infuriarsi contro Vincenzo Malvaso e a pretendere di essere tutelato in qualche modo.

Il 12 aprile 2015 così si parlavano Giuseppe Di Rubbo (all’epoca ex assessore all’Urbanistica), e Pasquale Maietta.

Giuseppe Di Rubbo: …Pasquale?..ciao
Pasquale Maietta: oih Peppe, buongiorno…, disturbo?
Giuseppe Di Rubbo: no, no! figurati…
Pasquale Maietta: senti Pe’…una cosa volevo dirti…., eee… te lo dico per chiarezza, rispetto a quello che saranno il prosequio de…de… delle cose che andremo a fare; …l’altro giorno ci siamo detti…, oggi, io, per una situazione che non conosco me trovo ..indagato dalla Magistratura, no? … giusto?
Giuseppe Di Rubbo: si!
Pasquale Maietta: ..oggi si decide di intraprendere un percorso che è teso a tutelare quelle persone che sono coinvolte in questa situazione prescin… mettendo da parte gli interessi economici delle parti…o, altn’menti, s’annamo a fa’ male Pe’ .., io non consento a nessuno di giocare con il mio c***
Giuseppe Di Rubbo: no Pasquale..guarda che nessuno vuole…
Pasquale Maietta: (si accavalla) se tu mi dici così..a me sta a posto!…ma sappi che se qualcuno domani ….
Giuseppe Di Rubbo: (si sovrappongono)..io sono…, ma te pare.., scusa….
Pasquale Maietta: ..fa qualcosa di diverso di quello che è…, ma io vado…, cioè, faccio.., se me fai del male a me io faccio del male a te, a MALVASO…a tu…, non me frega un c***,è!
Giuseppe Di Rubbo: Pasquale…..
Pasquale Maietta: ..perché io (incompr.)..correttamente
Giuseppe Di Rubbo: ..Pasquale…Pasquale .. “il male” ti posso assicurare che qua non vuole …non vuole fa’ male nessuno a nessuno!
Pasquale Maietta: è! però qua….
Giuseppe Di Rubbo: e non vogliamo tutelare nulla…
Pasquale Maietta: …..siccome qua l’unica preoccupazione è che se bloccano i la…., a me non me frega un c**** dei piani! se blocca la città..se blocca tutto, però..il c*** de Pasquale non se gioca! capito?!
Giuseppe Di Rubbo: Pasquale…non è questo il ….
Pasquale Maietta:…MALVASO non costruisce più!….perché se no iie metto ‘na bomba e gliela faccio salta’ la palazzina!..questo (incompr.) lo faccio è! quindi non è un problema …quindi avvisa che lo faccio!
Giuseppe Di Rubbo: Pasquale….
Pasquale Maietta: è..
Giuseppe Di Rubbo: Pasqua’…ascolta…
Pasquale Maietta: è
Giuseppe Di Rubbo: ascolta…, qua non è il problema di “portare i piani” ..non portare i piani.., è capire…capire…
Pasquale Maietta: bravissimo!
Giuseppe Di Rubbo: …qual è il problema…
Pasquale Maietta: (si accavallano) no, bisogna capire il percorso….che adesso consente….
Giuseppe Di Rubbo: e conseguentemente al problema risolverlo…si..; allora…
Pasquale Maietta: ….bisogna intraprendere il percorso che…consente, a coloro che sono indagati, in questo momento, senza saperne un c****! di poterne uscire il meglio possibile…
Giuseppe Di Rubbo: Pasquale…è proprio questo…il punto..
Pasquale Maietta: questo è!..io il c*** mio non lo faccio gioca’ da nessuno!
Giuseppe Di Rubbo: Pasquale..scusami è….
Pasquale Maietta: è…
Giuseppe Di Rubbo: … ti sto dicendo proprio questo: che non è questo il punto! perché il punto è che ad oggi, sulla base di quello che è stato …., nessuno vuole difendere una cosa o un’altra.., il problema è capire .., perché la Regione non è stata chiara,…. se vuole questo o vuole altro! perché la Regione oggi non c’ha detto questa cosa! capito qual è il punto? non è la questione “andare o non andare” .. io non ho difficoltà a fare qualunque cosa .., non è questo il punto Pasqua’ ….
Pasquale Maietta : mi pare..l’altro giorno, nella riunione era emerso questo: … io, ti premetto, non ci capisco un c**** di questa ..di…di urbanistica….
Giuseppe Di Rubbo: Pasqua’ tu mi hai fatto una domanda e io t’ho risposto…
Pasquale Maietta: e Catani….
Giuseppe Di Rubbo: …sono stato chiaro nella mia risposta?
Pasquale Maietta: si,si, no.., aspetta però ti devo dire una cosa…
Giuseppe Di Rubbo: è…
Pasquale Maietta: …CATANI dice ..da esperto della materia…Catani dice: “questa è una cosa che a tutela di tutti avremmo dovuto fare ieri…oggi la dobbiamo fare, ma forse è tardi”, questo è quello che ….
Giuseppe Di Rubbo: la lettera si riferiva è! alla lettera!
Pasquale Maietta: “alla lettera” …, la lettera però indica ..alle persone…indica dei percorsi.., giusto?
Giuseppe Di Rubbo: èè…e chi ha detto di no!? la lettera abbiamo detto che va bene!
Pasquale Maietta: perfetto! noi dobbiamo fare i percorsi che sono scritti sulla lettera! non è che facciamo: sulla lettera siamo d’accordo e poi no, non possiamo ..
Giuseppe Di Rubbo: (si sovrappone) scusa Pasquale…, la lettera…. scusa Pasquale, è proprio questo il punto…è proprio questo il punto! ..perché, io non vorrei che a te te rappresentano le cose in maniera non completa, non corretta e io ci tengo al rapporto…prima personale….
Pasquale Maietta: si ma io voglio …(incompr.)
Giuseppe Di Rubbo: …e poi politico.., no! senti Pasqua’, fammi parla’ ..perché voglio fini’ il concetto, no?
Pasquale Maietta: si si ti faccio parlare……
Giuseppe Di Rubbo: … io sto dicendo che la questione, a questo punto, è proprio quella: capire i percorsi! non prendere una strada dritta, perché rischiamo di fare un errore su un altro errore! .. io dico.. la lettera ce sta scritto ..chiediamo alla Regione: cara Regione tu stai dicendo che vuoi interpretare le norme in questo modo ..va bene! mi dici che… ? visto che sono vent’anni non problemi nostri…, sono vent’anni… come dobbiamo uscir fuori da questa situazione?”; questo dobbiamo dire alla Regione! non è che dobbiamo dire alla Regione….; se la Regione si siede a tavolino e dice: “non me frega un c****.. per vent’anni avete sbagliato…aricominciate da capo!”…, io sono il primo a dire: “ricominciamo da capo”; io non voglio difendere nulla e nessuno! perché non c’ho…, come te e come tutti gli altri ; .. non è questo il punto! capito Pasqua’? è che qui, a volte, se fa la fuga in avanti ..senza magari ..conoscere e approfondire…; la lettera
Pasquale Maietta: ..ma io t’ho premesso: io non ci capisco niente della materia…, l’unica cosa che io vi dico …, te lo dico a te sei ..che invece d capisci ..lo dico a tutti quanti gli altri…: “facciate percorsi che sono tesi a tutelare le persone”…, perché se poi domani io mi accorgo che il percorso finale me l’ha messo in c***..io non me lo faccio mettere in c*** gratis! questo è il concetto, Peppe!…
Giuseppe Di Rubbo: Pasquale…nessuno vuole fare questo…nella maniera più assoluta!
Pasquale Maietta: (si sovrappongono)…ma te lo dico da un punto di vista…., tu immagina che io .. fai conto, no?.. Peppe…. e te voijo parla’ proprio in maniera èè…: se io domani, poniamo il caso…, ormai è fatta.. cosa fatta capo ha; quindi se domani non mi posso…, poniamo il caso che vengo condannato e non posso più candidarmi io.. e che c****! facevo parte di quella Giunta èè.., ma se adesso ce po’ essere un modo per poter risistemare la cosa e non lo si fa perché bisogna fare …difendere per forza posizioni.., …(incompr.)
Giuseppe Di Rubbo: (si accavalla)..ascolta Pasquale…
Pasquale Maietta: (si sovrappone) ..perché se io domani non mi posso candidare (incompr.)
Giuseppe Di Rubbo: Pasquale scusami è! ma se è questo? .. non è interesse pure mio farlo subito? no oggi! ieri! .. l’altro ieri! cioè.. te pare che sto nella stessa barca tua non sono mica su un’altra barca io è!.. cioè…
Pasquale Maietta: è! lo so, però casomai tu potresti essere preso dal fatto che siccome questa cosa l’hai fatta tu a tutti i costi la vuoi difendere (incompr.) ..è Peppe!
Giuseppe Di Rubbo: (si accavalla) ma no Pasqua’! io ti ringrazio che sei chiaro .. perché a me me piace parla’ chiaro
Pasquale Maietta: io sono chiaro…io dico sempre le cose…
Giuseppe Di Rubbo: (si sovrappone) ma no Pasquale.. ma ti pare…; scusami Pasquale ma ti pare che io mi taglio le cose da solo? a me io non ho niente da difendere ..niente da nascondere; io dico solo: attenzione! proprio in virtù del fatto che è una situazione così delicata, dobbiamo ave’ un atteggiamento chiaro e coerente…nel senso di capire che cosa non è andato e il perché non è andato!.. cioè, io questo voglio dire! tutto qui…
Pasquale Maietta: io sono d’accordo, a me se mi dici: “guarda Pasquale bisogna andare a interpellare il migliore amministrativista d’Italia… “.. lo pago io Peppe! lo pago io …..

(…)

Giuseppe Di Rubbo: allora… io ti dico: la lettera va bene che è stata fatta, ma io ti invito a, eventualmente, se ce l’hai qualche professionista che conosci ..del settore amministrativo eccetera…, che ci può dare un supporto, ci andiamo io e te insieme… io e te! ti dimostro qual è il percorso più corretto, perché io c’ho la sensazione che Giovanni, per fare una cosa magari anche buona di (istinto) di cosa eccetera.., ci fa fare esattamente il contrario! e questo ci mette …
Pasquale Maietta : (si accavalla) ..ti ho detto a te.., ti ricordi? in riunione ..che t’ho detto: “Peppe mi dici l’alternativa giuridica?… ”
Giuseppe Di Rubbo: (si sovrappone) te l’ho….te l’ho….
Pasquale Maietta : …io non voglio…io non voglio…
Giuseppe Di Rubbo: … t’ho risposto? alla domanda?
Pasquale Maietta : ….che bisogna prendere …cioè, per me non esiste nè la posizione di Giovanni, nè la posizione di DI RUBBO, nè la posizione di MALVASO, per me deve esistere la…la posizione che oggi….ci consente a tutti quanti di poterne uscire il meglio possibile….
Giuseppe Di Rubbo: perfetto/però
Pasquale Maietta: …quindi ti prego Peppe… eee…cioè, perché qua semo tutti sotto il (incompr.), .. domani mattina può succede qualcosa tutti…, ma se succede deve succedere per quello che ho fatto io…, questo è il concetto
Giuseppe Di Rubbo: Pasquale ascolta …. e ti dico … ti parlo con estrema franchezza e chiarezza….il punto è che io sono convinto ….io sono convinto …, ma questa è una mia convinzione…., ma, ripeto…ho chiesto pareri eccetera che…la strada che pensa Giovanni…dice: “aoh c’avete ragione avemno fatto un casino, ncommciamo a capo…”

Insomma, dal tono della conversazione è evidente che degli illeciti su Borgo Piave erano stati commessi forse con una certa leggerezza tanto che Maietta appare sorpreso dell’indagine a suo carico. Sorpreso ma non disposto ad abdicare sulla questione.

L’Urbanistica e quei piani particolareggiati saranno poi uno dei motivi fondamentali che porteranno alla caduta di Di Giorgi. Anche la ricostruzione della magistratura lo dimostra.

SHARE