Trasporto pubblico, per il Tar inammissibile il ricorso di Atral: avanti con la gara

bus atral

Svolta nella gara per l’assegnazione del servizio trasporto pubblico locale a Latina. Il Tar del Lazio con sentenza n. 599, ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto da Atral per la sospensione del bando di gara emesso dal Comune di Latina. Secondo il Tribunale Amministrativo regionale le clausole del bando impugnato dalla società, attuale gestore del servizio, non impedivano la partecipazione della società ricorrente che ha invece contestato la natura escludente del disciplina di gara.

Atral gestisce il servizio di TPL a Latina dal 2005, e dal 2011 tramite proroghe che ormai vanno avanti da sette anni. La gara per assegnare nuovamente il servizio è stata pubblicata ad aprile 2017, poi fermata in virtù del ricorso dell’attuale gestore. Adesso forse si può proseguire, visto che le offerte sono state fatte e le buste sono state aperte. Anche se bisognerà andare incontro a una nuova proroga per Atral visto che l’ultima scade il 31 dicembre 2017, tra meno di un mese.

“Si volta pagina. Dopo la sentenza del Tar di oggi, si può procedere con la gara per un servizio adeguato alle effettive esigenze dei cittadini” è il commento del Presidente della Commissione Trasporti Olivier Tassi.

“Questa sentenza – gli fa eco l’Assessore ai Trasporti Gianfranco Buttarelli – consentirà, dopo anni di proroghe, di espletare una gara di appalto con prospettive concrete di implementazione del servizio. Il disciplinare di gara offre varie possibilità di migliorare e riorientare il servizio, finalizzato a privilegiare le connessioni con la stazione ferroviaria, con i quartieri esterni, con le periferie e la marina. Inoltre prevede il rinnovo e l’adeguamento dei mezzi rispondenti ai requisiti europei e tecnologie atte a monitorare la puntuale localizzazione dei mezzi a favore dell’utenza. In parallelo il Servizio Mobilità e Trasporti potrà usufruire di una serie di iniziative e pianificazioni collaterali in atto: mi riferisco alla redazione del piano urbano di mobilità sostenibile; alla nomina di un Mobility Manager di area; alla collaborazione con l’Università per lo studio dei flussi; all’implementazione delle fermate dei bus che consisterà nell’installazione di paline intelligenti con indicati i tempi di attesa dei mezzi, affiancate da rastrelliere per le biciclette. Quanto sopra – conclude l’Assessore – è l’esito di un lavoro di squadra strutturato, condotto con coerenza con la commissione consiliare, il capogruppo in Consiglio Comunale Dario Bellini con mandato su ‘Città accessibile e mobilità sostenibile’, il dirigente del servizio Trasporti Passaretti e i funzionari comunali”.

 

SHARE