Terracina, nessun passo in avanti per lo Sportello Agricolo. Simeone: la Regione danneggia le imprese

A maggio scorso, in piena campagna elettorale, sembrava che la riapertura dello Sportello Agricolo di Terracina fosse prossima, ma adesso, a distanza di qualche mese, ancora non ci sono risposte dal Presidente della Regione, Nicola Zingaretti, e dall’assessore all’agricoltura. Era stato proprio Hausmann ad incontrare i rappresentati del Comune allora commissariato confermando che la Regione avrebbe di lì a poco avviato le procedure necessarie.

Oggi, invece, alla terza interrogazione presentata dal consigliere regionale pontino, Pino Simeone, sull’argomento non ci sono state risposte significative da parte dell’amministrazione.

“L’assessore – ha raccontato Simeone – ha praticamente riletto la risposta che mi aveva dato in aula a marzo di quest’anno. Ha ripercorso le tappe, citato atti, che conosciamo a memoria. Li conosciamo da quando nel 2014 avevamo chiesto all’allora assessore all’agricoltura, Sonia Ricci, prima per le vie brevi, poi con una interrogazione, di conoscere il futuro di uno sportello che fornisce servizi fondamentali per oltre circa 10 mila aziende agricole, oltre a 50 cooperative ortofrutticole, 100 aziende vivaistiche, alcune delle quali di rilevanza nazionale, Industrie vitivinicole, frantoi, industrie olearie e caseifici dislocate su un territorio estremamente vasto che ricomprende i Comuni di Terracina, Pontinia, San Felice Circeo, Sabaudia e quelli dell’area dei Monti Lepini”.

Hausmann, inoltre, ha confermato che che gli uffici stanno iniziando solo ora a lavorare per rendere operativa la struttura di Borgo Hermada, a Terracina. “Questo significa – ribadisce il consigliere di Forza Italia – che in tre anni questa giunta non ha fatto nulla rinchiudendosi dietro le solite risposte di maniera, arrampicandosi sugli specchi di promesse non mantenute che servono solo ad illudere imprese ed operatori che attendono risposte concrete che tardano ad arrivare. Prendiamo atto che siamo fermi al “quanto prima” che l’assessore regionale all’agricoltura ha utilizzato riferendosi all’apertura dello Sportello agricolo di zona di Terracina. Ma resta assurdo ed inaccettabile che questa giunta, che questa maggioranza, non abbiano la dimensione dei danni che la loro inerzia sta causando ad un settore, come quello agricolo, che è il perno dell’economia della provincia di Latina e del Lazio”.

SHARE