Terracina, mare sporco e maleodorante: le spiagge si svuotano. Scattano i controlli dell’Arpa

di Redazione – Acqua sporca e melmosa e una schiuma maleodorante caratterizzano il mare di Terracina da qualche giorno a questa parte. Già ad inizio settimana erano arrivate le prime segnalazioni dalla zona di Porto Badino alla Capitaneria di Porto che aveva a sua volta mobilitato l’Arpa, ma adesso sembra che il fenomeno si sia esteso a tutte le coste della cittadina pontina. Addirittura alcuni bagnanti hanno trovato nell’acqua e sul bagnasciuga blatte morte.

Un fenomeno che non aiuta il turismo e sta svuotando spiagge e lidi. Dopo l’ennesima segnalazione l‘Arpa è al lavoro con prelievi per verificare se ci sono pericoli per la balneazione. Ma non vuole sentire parlare di acqua non balneabile il Sindacato italiano balneari: “il colore marrone è determinato unicamente dal fenomeno di liquefazione della flora marina causata dal caldo torrido” spiega il Sib.

Della stessa idea anche l’ex sindaco Procaccini: “Non è inquinamento, è solo il caldo che distrugge la flora marina e colora l’acqua di marrone. Sentita anche la Capitaneria che conferma. Non è inquinamento, non è inquinamento, non è inquinamento”.

LA NOTA DEL COMUNE – “Rispetto a quanto si è verificato ieri in alcuni tratti di mare della costa terracinese: ovvero dell’avvistamento di una macchia di “colore giallastro” nelle acque antistanti alcuni stabilimenti balneari ubicati sulla spiaggia del centro città, le prime risultanze ufficiali dei tecnici dell’Arpa Lazio confermerebbe essere stata generata da una “abnorme fioritura algale” dovuta all’alta temperatura dell’acqua del mare. Infatti, conferma l’Arpa Lazio, nei giorni scorsi la temperatura del mare che abbraccia anche la costa terracinese ha raggiunto i 31 gradi, un evento eccezionale che può condurre a manifestazioni come quella riscontrata nella giornata di ieri.
In ogni modo tre campioni di acqua marina sono stati raccolti dagli uomini della Capitaneria di Porto di Terracina e inviati nei laboratori dell’Arpa Lazio Latina per essere analizzati, i risultati saranno comunicati ai cittadini lunedì prossimo. Il Commissario straordinario del Comune di Terracina, Erminia Ocello, segue in prima persona l’evolversi della situazione e dove emergessero elementi certi di sversamenti impropri nei canali e nel mare di Terracina provvederà a denunciare i fatti alla Procura della Repubblica di Latina. Allo stato attuale, infine, non ci sarebbero elementi di preoccupazione per la salute dei bagnanti”.

*Foto dal Gruppo FB Terracina segnalazioni denunce

SHARE