Terra-Altissimi, due mali in una telefonata sola

Il sindaco di Aprilia, Antonio Terra
Il sindaco di Aprilia, Antonio Terra

Il sindaco di Aprilia, Terra, ha rapporti di amicizia con il titolare di Rida Ambiente, Altissimi, e questi sono casi loro, l’amicizia, la frequentazione, è una scelta che riguarda gli amici, i conoscenti. Il nodo è il “combinato disposto”, che fa dei movimenti anti: anti-acqua, anti-discarica, anti-turbogas, anti-Ogm, anti-autostrada. Di fatto dei difensori di uno status quo che non ha meno “interessi”, quantomeno, di chi vorrebbe fare. Essere contro ogni discarica, ogni impianto di trattamento, valorizza l’unico impianto di trattamento che c’è, quello di Rida, essere contro la ragione di soluzioni ragionevoli, fa diventare interessante per Rida fare una sua discarica. A Roma i 5 stelle si battono per un ambiente puro e fanno assessore il consulente del monopolista, o ex, delle discariche.

Certo in Regione hanno assunto non scelte che di fatto favoriscono chi già c’è. Se Roma non ha una soluzione per i suoi rifiuti come si risolve l’emergenza? Con l’emigrazione dei rifiuti, ma anche utilizzando gli impianti monopolistici che ci sono ai prezzi che questi fanno.

Il nodo è certo l’”amicizia”, ma è di più la non scelta, la politica che dicendo “mai nel mio giardino”, fa diventare d’oro l’unico giardino disponibile. Servirebbe mercato, servirebbe ragione e non paura. Altissimi e Terra hanno diritto ad ogni amicizia, hanno il diritto di dirsi ciò che credono, il nodo è che nessuno ha il diritto di essere monopolista del mercato, essere l’unico, o uno degli oligopolisti.

Dobbiamo fare una politica degli impianti di trattamento, metterli a confronto anche per scommesse tecnologiche. I rifiuti non sono lo sterco del diavolo, non lo sono neanche i profitti, ogni problema si affronta per ragione e non per paura. Che fa la paura? Genera il monopolio di Rida e rende “preoccupante” anche una amicizia se uno è il monopolista e l’altro il sindaco. Certo non ci sono reati, ma c’è il disegno di due problemi: il monopolio degli operatori nel ciclio dei rifiuti, e sindaci che in nome del civismo, della cinquestellite, del movimentismo sono soli davanti a poteri sempre più forti. Due mali in una telefonata sola.

SHARE