Talenti Emergenti, Valentina Olleia: noi giovani daremo una immagine nuova a Forza Italia

Valentina Olleia
Valentina Olleia

Valentina Olleia ha 31 anni, lavora praticamente da sempre nella moda e nell’organizzazione eventi. Dopo una breve permanenza a Roma, è tornata a Terracina. Ha partecipato alle recenti elezioni amministrative a sostegno del candidato sindaco Gianluca Corradini, e il suo impegno è stato premiato con la nomina a vice cooridinatore regionale dei giovani di Forza Italia. È lei uno dei talenti emergenti della provincia pontina.

Quando e perché ti sei avvicinata alla politica?

La mia famiglia è sempre stata interessata alla politica, a Terracina abbiamo sempre vissuto le elezioni in prima linea. La svolta è arrivata nel 2013: lavoravo all’Expo a Latina durante la campagna elettorale di Armando Cusani per le Europee. Ho seguito lui e mi sono appassionata ancora di più. Poi è prevalsa la mia voglia di fare qualcosa per Terracina. Ogni volta che dovevo organizzare eventi e progetti a Terracina ho sempre fatto fatica a essere presa in considerazione. La politica è stato un modo per dare sfogo ai progetti che avevo per la mia città, per far sì che Terracina fosse vista come la vedo io, soprattutto per quel che riguarda la parte estiva, il turismo e il centro storico. Mi sono messa in gioco. Rispetto a tanti giovani che ho conosciuto in campagna elettorale mi rendo conto che ho fatto il percorso inverso: mi sono messa in discussione, chiedendomi quanti voti valgo e mi sono candidata nella mia città, uno step che viene dopo aver frequentato il partito. Io invece ho fatto la kamikaze.

Come ti sei avvicinata a Forza Italia, proprio nel momento peggiore della storia del partito?

Gli ideali di Forza Italia mi rispecchiano molto. È stato quasi un passaggio naturale perché a casa eravamo molto berlusconiani. È vero che Forza Italia non sta vivendo un momento positivo, e forse per questo ho scelto questo partito, perché mi piacciono le sfide, è nel mio carattere. Sono pioniera delle strade non percorse. Tutti mi dicevano che la politica per una donna è sporca, ma io sono libera professionista da quando sono ragazzina e confrontarmi con questo mondo non mi spaventa. E poi non è solo Forza Italia che sta vivendo un brutto momento, in generale tutta la politica. Basta guardare in Europa o in America, è una fase di grande cambiamento per tutti. E soprattutto se non ci sono i giovani a dare una marcia in più chi lo fa? Di energia e motivazione io ne ho da vendere.

Come vice coordinatore regionale di Forza Italia Giovani, che contributo pensi di dare al partito?

In Forza Italia stiamo facendo entrare più ragazzi possibili con caratteristiche diverse. Usiamo la parola “Noi” perché vogliamo essere una forza di aggregazione. Io voglio trovare le persone giuste e avere un approccio diverso. Mi piace che dentro il partito ci sia scontro e discussione perché è un momento di crescita. Vorrei arrivare a fare in modo che noi giovani diciamo, e i grandi fanno ciò che proponiamo. E poi vorrei creare eventi di formazione e informazione per i giovani. Ad esempio sono stata a Bruxelles dove ho visto un altro mondo sulle opportunità che offre l’Europa, ma se non hai qualcuno che te le fa vedere non lo sai. Quindi mi piacerebbe fare questo per i giovani e per la mia provincia. soprattutto per il turismo, vorrei fare convegni e incontri costruttivi.

Come conti di rilanciare Forza Italia e riconquistare consensi?

Per prendere consensi è necessario dare un’immagine diversa al partito da come è ora. Dobbiamo far vedere che siamo diretti e operativi, noi giovani se diciamo una cosa la facciamo. Più fatti che parole, è proprio un mio modo di vivere. Vorrei far capire che Forza Italia e i giovani sono operativi. Tutti i nostri ragazzi si danno molto da fare, nei loro comuni e nelle loro province.

È arrivato il momento del cambio generazionale?

Il cambio generazionale è fisiologico, è il momento storico che lo prevede. Più che cambio generazionale è la società che chiede un nuovo modo di fare politica, essere più concreti, meno apparenza, meno chiacchiere. Si deve comparire sui giornali quando si è realizzato, non per fare annunci. Questo è il cambio. Dei “vecchi” abbiamo sempre bisogno, soprattutto noi giovani. Degli esempi ce li abbiamo anche qui a Latina. Io sono molto vicina a Armando Cusani, come politico e come uomo, è presente ed è molto di supporto a noi, così come Mario Abbruzzese a Frosinone, molto disponibile per i giovani. È fisiologico il cambio ma è doveroso l’affiancamento, La società vuole un cambiamento del modo di fare politica, e della relazione del politico con cittadini e società.

SHARE