Stazione di Latina Scalo, via le barriere architettoniche. RFI risponde a Cittadinanza Attiva

stazione_latina

La Stazione di Latina sarà compresa nel programma di interventi di riqualificazione ed abbattimento delle barriere architettoniche per l’anno 2017 realizzata da Rete Ferroviaria Italiana. Lo ha comunicato il meetup 5 Stelle Cittadinanza Attiva che ha sollecitato l’RFI a intervenire sullo snodo di Latina. La stazione infatti non rientrava nel suddetto pieno messo a punto dal gestore dei trasporti su ferro, dunque, spiega Gennaro Comparone da Cittadinanza Attiva, un disabile che vuole prendere il treno a Latina deve chiamare la Sala Blu di riferimento, che è a Roma Termini, almeno 12 ore prima della partenza, per avere l’assistenza necessaria per prendere il treno. Un iter quasi inapplicabile, dunque non rimane che affidarsi alla buona volontà degli altri cittadini e viaggiatori per il trasporto sul binario.

Il meetup Cittadinanza Attiva lo scorso luglio si fece promotore di una denuncia che segnalava la presenza di barriere architettoniche alla stazione ferroviaria di Latina. Successivamente fu presentata un’interrogazione parlamentare anche al Ministero dei Trasporti, che rimase senza risposta. Gli attivisti segnalarono che alla stazione di Latina Scalo non è presente l’ascensore o altro mezzo idoneo per superare la barriera architettonica delle scale. Esiste invece un ascensore per disabili che dal parcheggio lato Sermoneta porta al sottopasso, ma poi un potenziale viaggiatore disabile rimane bloccato lì perché non ha modo di accedere al binario.

Alla luce di questi fatti, i cittadini attivi del meetup inoltrarono uno specifico sollecito alla società RFI, affinché intervenisse, nel più breve tempo possibile, per adeguare la stazione di Latina scalo, con l’abbattimento delle barriere architettoniche. Fu chiesto l’installazione di idonei dispositivi (ascensore, piattaforma elevatrice, tappeto mobile) che permettessero a tutti di poter usufruire del principale servizio di collegamento alle altre città e porre fine a tale inconcepibile discriminazione.

Cittadinanza Attiva tentò di coinvolgere anche il sindaco di Latina Damiano Coletta, invitato ad aggiungere la propria firma all’atto come primo cittadino. Ma l’appello di solidarietà cadde nel vuoto in quanto il sindaco non diede alcun cenno di risposta. La domanda andò comunque avanti e oggi è arrivata la risposta positiva di RFI che inserirà Latina nel programma di interventi di riqualificazione ed abbattimento delle barriere architettoniche per l’anno 2017.

“È una vittoria importante, il meetup Cittadinanza Attiva – si legge in una nota – è riuscito ad avere una data certa che porterà finalmente Latina allo stesso livello di civiltà di altre stazioni italiane. Questo è un messaggio vitale che vogliono dare ai cittadini più deboli ed anche più emarginati, ai quali viene tesa una mano con i fatti e non con le chiacchiere. Nessuno deve restare indietro”

SHARE