Spiagge per disabili a Sabaudia, parte la causa tra Comune e associazioni. Lucci cerca una soluzione

di Redazione – Il caso della mancata realizzazione della spiaggia per disabili a Sabaudia è finito nelle aule di Tribunale. La contesta è stata affidata alla giustizia dalle associazioni Beatrice e Coscione. Entrambe tutelano i diritti dei disabili e accusano il Comune di non essersi mai impegnato per la realizzazione di una spiaggia per disabili. Nell’udienza dei giorni scorsi il Tribunale ha deciso di preseguire con il rito sommario anziché con quello ordinario, inoltre sono state dichiarate ammissibili le testimonianze presentate dalle due associazioni ed è stata respinta la richiesta della prova per interpello del sindaco di Sabaudia, Maurizio Lucci.

Proprio il primo cittadino di Sabaudia ha tentato una mediazione con le due associazioni per disabili. Il Comune è disponibile a realizzare un’area per disabili dove l’anno scorso fu costruita la discesa adatta per gli invalidi. Ma a Fabrizio Ghiro, presidente dell’associazione Beatrice, Maurizio Lucci promise una spiaggia intera e non solo una passerella. Poi però la struttura non fu più realizzata perché il Comune avrebbe dovuto modificare il piano di utilizzazione degli arenili

SABAUDIA, SPIAGGIA PER DISABILI MAI REALIZZATA: IL CASO IN TRIBUNALE

SHARE