Sistema Latina, Coletta si spiega: gestione personalizzata e tante vicende poco chiare

Damiano-Coletta

Il Sistema Latina dipende da una macchina amministrativa gestita in modo un po’ troppo personalizzato. Così Damiano Coletta si è espresso nel Consiglio Comunale di oggi, tornando su una tematica sulla quale le polemiche non erano mancate. “In merito al Sistema Latina io ho già detto che c’è stata un’organizzazione di risorse della macchina amministrativa che non condivido perché produce rallentamenti enormi”, così il Sindaco, riferendosi innanzitutto al Teatro D’Annunzio, tema di cui si discuteva in aula.

“Manca una razionalizzazione di risorse e vedo un palleggiamento di problemi in termini di responsabilità che provocano danni alla comunità. La politica deve dare risposte, e le risposte sono spesso rallentate da questo sistema – ha spiegato il sindaco -. Poi, nell’ambito sempre del Sistema Latina ci sono tante altre situazioni che stanno rallentando i lavori perché dobbiamo venire a capo di un pregresso che spesso è difficile ricostruire. Mi riferisco a concessioni, convenzioni, e mi riferisco anche agli impianti sportivi. Ci sono situazioni poco chiare sulle quali vogliamo fare chiarezza”. E proprio in merito a questo Coletta approfitta per annunciare una conferenza stampa che con ogni probabilità avrà al centro il problema della piscina scoperta.

“Questa città se ha delle difficolta è perché c’è stato un sistema e su questo dobbiamo agire tutti – ha proseguito il Sindaco -. Confido nel supporto di tutti i consiglieri per migliorare queste situazioni che stiamo individuando. Verranno chiarite ulteriori altre cose ma per Sistema Latina mi riferivo a questo: una gestione su certe cose un po’ troppo personalizzata. E su ciò va fatta chiarezza nell’ambito di un percorso di legalità. Non si possono fare nomi e cognomi – ha concluso -, siamo responsabili tutti e abbiamo la possibilità tutti di migliorare e fornire ai cittadini servizi che meritano”.

SHARE