Sezze, l’opposizione ancora in Comune contro le cartelle pazze. Venerdì il Consiglio Comunale

di Redazione – Continua a Sezze l’occupazione delle Aule del Comune da parte degli esponenti dell’opposizione. Roberto Reginaldi, Serafino Di Palma, Antonia Brandolini e Lidano Zarra hanno occupato gli uffici del Palazzo Comunale dopo che nella Commissione Bilancio di venerdì è stata respinta la proposta di revocare l’incarico alla A&G, la società responsabile delle “cartelle pazze” che sono state recapitate a tanti contribuenti setini. Intanto venerdì 30 gennaio se ne discuterà in un Consiglio Comunale convocato per le 18. Reginaldi, tramite il suo profilo Facebook ha invitato la cittadinanza a partecipare. Con un post sul social network l’esponente di Forza Nuova ricorda che l’opposizione aveva sollevato dubbi su A&G già in passato. Veniva contestato lo stesso affidamento fatto senza gara pubblica.

Alla luce delle ultime cartelle esattoriali che hanno inasprito ulteriormente la situazione, l’opposizione venerdì chiederà al Sindaco Campoli e alla maggioranza di revocare l’affidamento e tutti gli atti compiuti da A&G. E non solo: Reginaldi, Zarra, Brandolini e Di Palma pretendono le dimissioni dell’Assessore al Bilancio e l’accertamento delle responsabilità di chi ha firmato l’affidamento (il dirigente). Se il Consiglio Comunale decidesse di revocare l’affidamento alla A&G, la prima conseguenza sarebbe la decadenza di tutti gli atti, e quindi sarebbero nulle le cartelle finora notificate. “Quindi non credete a ‘personaggi’ che stanno girando a farsi consegnare le cartelle/bollette dicendovi ‘ci penso io’ – scrive in conclusione Reginaldi – perchè sono gli stessi personaggi che hanno creato questa disgrazia, e che tra qualche tempo, avranno la faccia tosta di chiedervi il voto”.

SHARE