Sermoneta, il Comune chiede l’intervento della Regione per la manutenzione dei canali

Il Comune di Sermoneta ha chiesto l’intervento della Regione Lazio per effettuare la manutenzione e la pulizia dei fossi, dei canali e dei fiumi che interessano il territorio comunale.

A scrivere in Regione è stato il delegato ai Lavori Pubblici Gilberto Montechiarello che si è rivolto anche alla consigliera regionale, Rosa Giancola, sensibile a questo tema, chiedendo che vengano predisposti interventi per la pulizia: “È stato rilevato sulle aste fluviali uno stato che determina un serio ostacolo al regolare deflusso delle acque per la presenza di una notevole vegetazione sulle sponde e, in alcuni casi, anche nell’alveo” si legge nella nota, firmata congiuntamente anche dal responsabile dell’Ufficio tecnico comunale.

I canali e fossi per i quali è stato richiesto l’intervento alla Regione Lazio, per tramite del Consorzio di Bonifica dell’Agro Pontino in convenzione con la Regione, sono il fiume Cavata, di competenza del Servizio Pubblico Manutenzioni Regione Lazio, e Canale Mussoloni (di preminente interesse regionale, che ricade in parte nel territorio di Sermoneta). I fossi Ciocco, Cappuccini, Torno, Carrara, Casal dei Papi, Trentossa, Nord Strada Prati, Valle Strada Prati, Breccole e Badia sono invece manutenuti dal Consorzio di Bonifica mediante convenzione con l’Ato4.

“Solo la manutenzione costante e preventiva dei corsi d’acqua ci consentono di prevenire danni al territorio dovuti alle sempre più frequenti bombe d’acqua – spiega il delegato Montechiarello –. Grazie al lavoro responsabile del Consorzio di Bonifica, sempre disponibile nonostante la crisi economica attraversata negli scorsi mesi, e dietro sostegno e sollecitazione di questa Amministrazione, è stato possibile scongiurare pericoli. Questo però non ci deve far abbassare la guardia e soprattutto ognuno deve assumersi le responsabilità delle proprie competenze”.

“Abbiamo apprezzato – aggiunge – che i primi interventi sono già in corso, a garanzia della tenuta del nostro sistema idrogeologico”. Il Comune di Sermoneta ha chiesto inoltre alla Regione un tavolo di confronto con i Comuni interessati per programmare gli interventi anche a medio e lungo termine, “così da non dover rincorrere le emergenze – conclude Montechiarello -. Interesseremo della questione anche il consigliere regionale Enrico Forte”.

SHARE