San Giovanni di Dio di Fondi, situazione critica: De Meo chiede un incontro urgente a Caporossi

di Redazione – Il sindaco De Meo chiede urgentemente un incontro pubblico al direttore dell’Asl di Latina, Michele Caporossi per fare chiarezza sulle problematiche quotidiane dell’ospedale San Giovanni di Dio. Il primo cittadino di Fondi ricorda di non aver espresso un voto negativo sull’atto aziendale, ma al pari dei sindaci di Terracina, Monte San Biagio, Sperlonga, Campodimele e Sonnino, si è astenuto per aprire un dialogo sulle questioni che nell’atto rimanevano irrisolte con “l’auspicio di pervenire, anche con il Suo supporto e dopo una fase di dialogo, ad una integrazione della proposta dell’Atto in cui le ragioni dei territori sarebbero state opportunamente bilanciate con le disposizioni del Piano di rientro dal deficit sanitario in cui versa la Regione Lazio”.

Anche la stessa Direzione Regionale Salute ha espresso le stesse perplessità avanzate dai comuni interessati ma non è mai stato possibile un confronto né con il direttore Caporossi né con il Governatore Zingaretti.

Per questo adesso De Meo convoca un consiglio straordinario sul tema e chiede un incontro urgente con Caporossi: “la situazione critica in cui versa il San Giovanni di Dio di Fondi, determinata principalmente dalla scarsità di risorse mediche, dalla chiusura di alcuni reparti e dalla limitata operatività di alcune UOC, in primis il Pronto Soccorso, necessita di una decisa accelerazione nell’attuazione di impegni volti a potenziare nell’immediato la qualità dei servizi del nosocomio fondano. Questo è quanto chiedono quotidianamente al sottoscritto cittadini, associazioni e comitati del comprensorio che, in assenza di segnali concreti e di risposte tangibili in merito al loro diritto alla salute, hanno manifestato l’intenzione di portare avanti con determinazione iniziative di mobilitazione, anche nel solco della protesta”.

SHARE