amianto

Antonio Dal Cin, cittadino di Sabaudia e finanziere in congedo perché affetto da gravi patologie dovute all’amianto, scrive al Commissario straordinario Antonio Quarto per chiedere la mappatura e la bonifica dall’amianto dell’intero territorio comunale.

Dal Cin, che fa parte dell’Osservatorio Nazionale sull’Amianto ONA Onlus, fa riferimento alla mozione del Consiglio Comunale approvata all’unanimità il 20 giugno 2011 in relazione al rischio amianto e alla richiesta già inviata nel 2012 all’allora sindaco Lucci in cui sollecitava di verificare presenza di amianto e di materiali contenenti amianto, di qualunque matrice ed in qualsiasi quantità presso le scuole, a partire dalle materne, negli edifici pubblici, nelle abitazioni private, nei tetti delle stalle dove sono ricoverati gli animali, nei fienili, nelle tettoie e negli altri capannoni presenti nelle campagne, ma anche in città, e non in ultimo, nelle caserme ubicate sul territorio.

Adesso Dal Cin torna a riproporre le questione al Commissario Quarto ricordando che “la mappatura e la bonifica di tutto il territorio, a Sabaudia come nel resto d’Italia, costituiscono l’unico strumento veramente effettivo ed efficace per impedire che i cittadini siano esposti e sviluppino nel tempo patologie asbesto correlate che sono quasi sempre ad esito infausto”.

In Italia sono 2.400 le scuole, stima per difetto, dove è stata riscontrata la presenza di amianto e risultano quotidianamente esposti al cancerogeno circa 350.000 tra studenti, docenti e personale scolastico” ricorda Dal Cin che “anche come genitore di due bambini che insieme ad altri centinaia di bambini frequentano le scuole nel Comune di Sabaudia, mi appello affinché si ponga in essere, con carattere di urgenza, la mappatura di tutti gli istituti scolastici, a partire da quelli della prima infanzia, così da poter escludere la presenza di amianto, sia di matrice friabile che compatta.Qualora il micidiale cancerogeno è presente, è necessario avviare l’immediata bonifica dei locali interessati, quale unico strumento in grado di garantire una soglia pari a zero”.