Rete pontina per l’infarto, Zingaretti ignora le criticità. Simeone: “È disarmante”

di Redazione – “Disarmante”, commenta così Pino Simeone l’esito del question time in cui ha voluto chiedere chiarimenti al commissario ad acta per la Sanità nel Lazio su alcune importanti criticità rilevate nel sistema della rete pontina per l’infarto. Dal suo interlocutore, il governatore Zingaretti, Pino Simeone non ha ricevuto risposte soddisfacenti. Al centro del question time alla Pisana c’era il caso di un uomo di 65 anni di Latina che ha rischiato la vita perché l’ambulanza sulla quale era stato fatto salire era sprovvista dei sistemi di telemedicina e teletrasmissione. Non sarebbe l’unico mezzo senza questi apparecchi a bordo: alcuni sono in manutenzione, mentre diverse ambulanze non sono compatibili.

Alla richiesta di Simeone di sapere come la Regione Lazio intende provvedere e cosa vuole fare per valorizzare quella che dovrebbe essere un’eccellenza della sanità a Latina, Zingaretti non ha risposto, denuncia Simeone. “È evidente come questa Regione non sia e non possa essere un interlocutore valido per le istanze dei cittadini – accusa Simeone – Sembra di assistere ad un film sul paranormale in cui Zingaretti e la sua giunta vivono in una realtà parallela in cui non si sa neanche leggere, e comprendere, le domande che vengono poste. Figuriamoci formulare delle risposte degne di questo nome”.

RETE PONTINA PER L’INFARTO, SIMEONE SI APPELLA A ZINGARETTI PER VALORIZZARE IL SERVIZIO

SANITÀ, CAPOROSSI SMENTISCE SIMEONE: LA RETE PER L’INFARTO NON SARÀ CANCELLATA

SHARE