Renzi #annullaAutogol, Confassociazioni lancia un hashtag per difendere le Partite Iva

di Redazione – Continua la battaglia per le Partite Iva da parte di Confassociazioni. Dopo il passo indietro di Renzi che alla Bignardi su La7 ha ammesso di aver sbagliato, “è stato il autogol” aveva detto il presidente del Consiglio, adesso la Confederazione delle associazioni professionali va in pressing sul Premier.

Confassociazioni e il suo presidente, Angelo Deiana, insieme ad Acta e Alta partecipazione, hanno lanciato oggi un Tweet bombing all’indirizzo di Renzi per sollecitare il blocco immediato dell’aumento dell’aliquota previdenziale della gestione separata Inps al 30,72%. “In Italia non ci sarà ripresa economica e a nulla servirà il Jobs Act fino a quando ai giovani professionisti non verranno assicurate le tutele che meritano e il posto che gli spetta” spiega Deiana. E’ lo stesso Deiana a dare il via con un tweet “@matteorenzi tassazione aumentata del 300% per #partiteiva regime dei minimi, ora #annullaAutogol @IlQuintoStato @uomoemanager @Agenparl” e in meno di un’ora l’hashtag #annullaAutogol è subito schizzato al primo posto nella classifica dei #trendingtopic di Twitter. 

Al Tweet bombing si sono uniti subito centinaia di professionisti, free lance e precari che sottolineano che il rilancio dell’economia parte proprio da loro. L’hashtag è stato rilanciato anche dal Presidente Confassociazioni Giovani, il pontino Roberto Miscioscia.

SHARE