di Redazione – Dopo il lungo rinvio di un mese e mezzo, nuova udienza preliminare per il processo per l’inquinamento delle falde della discarica di Borgo Montello da parte della Ecoambiente. Decisiva la perizia del professor Munari che ha deposto in aula e ha risposto a ogni domanda della difesa. Secondo Munari, vicepresidente nazionale dell’ordine professionale dei chimici, l’inquinamento delle falde acquifere era fatto consapevolmente dai dirigenti della Ecoambiente.

La difesa aveva chiesto il proscioglimento e il non luogo a procedere, ma il giudice Marcelli ha deciso di rinviare a giudizio i tre imputati Vincenzo Rondoni e Bruno Landi, dirigenti di Ecoambiente, e l’imprenditore Nicola Colucci. Il processo inizierà il 16 giugno.

“RICORDATE DE MI COGNATO” NELL’INCHIESTA SUI RIFIUTI SPUNTA IL SOSTEGNO DEL PD DI LATINA A BRUNO LANDI

DE AMICIS SI AUTOSOSPENDE DAL PD, MA L’AMICIZIA CON LANDI IMBARAZZA TUTTO IL PARTITO